Capelli corti, ecco perché non dovremmo temerli

Uno degli elementi che più influenza il nostro look è il taglio di capelli. Cambiare acconciatura significa apparire completamente diverse, soprattutto se da un taglio lungo passiamo a uno corto. Nonostante i capelli abbiano l’incredibile capacità di rimediare a eventuali errori semplicemente ricrescendo, spesso noi donne siamo molto restie a prendere una decisione del genere, rimanendo quindi sempre costantemente tentate, senza avere mai il coraggio di metterci sotto i “ferri” del parrucchiere. Abbiamo dunque deciso di darvi qualche dritta per quanto riguarda i capelli corti, così da infondervi un po’ di fiducia nel caso vogliate sperimentare questa favolosa acconciatura.

Capelli corti, ecco perché non dovremmo temerli

I capelli corti stanno bene a tutte?

Un drastico cambiamento di look è spesso associato a profondi mutamenti che si stanno affrontando nella vita e ciò vale soprattutto per noi donne. Ecco quindi perché spesso sperimentiamo tali trasformazioni dopo la fine di una storia. In realtà una donna dovrebbe essere libera di cambiare senza suscitare nel prossimo nessun allarmismo, ma in fondo è anche vero che certi traumi possono infonderci quel coraggio che ci mancava per decidere finalmente di fare quel taglio corto che abbiamo sempre sognato, ma mai realizzato. Perché, in effetti, ancora molte donne hanno paura di questo tipo di acconciatura, in quanto preoccupate di pentirsene subito dopo, ma sbagliano.

Partiamo dal presupposto che l’unica opinione che conta nella scelta di un nuovo taglio di capelli dovrebbe essere solo la nostra. Un cambiamento di look deve essere principalmente generato dal desiderio di piacere a noi stesse, e se ci sentiamo a nostro agio di fronte allo specchio, nessuno dovrebbe avere il diritto di poterci criticare. Questa però, inutile negarlo, è un’utopia. Qualsiasi nostra scelta è sempre influenzata, chi più, chi meno, dal giudizio altrui e quindi è abbastanza comune la preoccupazione di rispettare canoni di bellezza standard. Da qui nasce la necessità di capire, prima di prendere in mano le forbici, se un taglio corto è quello che fa per noi.

Esistono molti modi e diverse teorie a riguardo e, inutile dirlo, ognuno ha la propria. La cosa migliore sarebbe poter dare una sbirciatina al futuro, così da verificare se il nostro eventuale prossimo look ci convince appieno o meno. In ciò ormai possono aiutarci app specifiche che, nonostante il risultato non sia affidabile al 100%, riescono comunque a darci un’idea di come potremmo apparire con un taglio corto. Oppure, molto più semplicemente, possiamo raccogliere i capelli di fronte a uno specchio, per nasconderli e avere così una vaga visione del nostro volto senza una folta chioma a contornarlo.

Quello che però dovete sapere è che in realtà i capelli corti non escludono nessuno, e potrebbero stare bene a chiunque. Quello che eventualmente sarebbe da prendere in considerazione e che potrebbe preoccupare non è tanto se tagliarli, ma come tagliarli. Quello che infatti fa davvero la differenza sono i tipi di acconciatura che si realizzano, che devono rispettare alcuni requisiti in base, soprattutto, alla forma del nostro viso.

Volti tondi, quadrati, ovali o allungati hanno particolari esigenze, mirate soprattutto a non enfatizzare la loro specifica forma. Così, per esempio, visi lunghi o ovali devono puntare a pettinature che li allarghino, mentre, al contrario, quelli tondi dovrebbero evitarle (per esempio meglio dire di no al caschetto). Chi possiede un volto quadrato dovrebbe invece preferire chiome ondulate, per spezzare così i lineamenti netti del viso.

Per quanto riguarda la corporatura, quello che ci sentiamo di consigliarvi è di evitare i capelli corti se ne possedete una robusta, con spalle larghe e un aspetto un po’ mascolino, o se siete molto alte (in quanto un taglio corto, grazie all’effetto ottico che crea, rischierebbe di donarvi ulteriori centimetri). Le donne che danno il meglio di sé con queste acconciature sono infatti quelle minute e magre, ma, come abbiamo detto prima, quello che davvero conta è come vi vedete voi. Quindi, se siete convinte di farlo, tagliatevi pure i capelli quanto volete, a prescindere dal vostro fisico.

Scopri Se i Capelli Corti ti Stanno Bene Usando una Matita e un Righello

Ma quando tagliarli? La tradizione si rifà alla luna e alle sue fasi: seguendo il calendario lunare si pensa, infatti, che i periodi migliori per tagliare i capelli siano quelli della luna piena e della luna crescente poiché favorirebbero una crescita più rapida e forte. Inoltre, si dice donino ai capelli più lucentezza. Diversamente succederebbe nella fase della luna nuova, durante la quale è caldamente sconsigliato tagliarli poiché tenderebbero ad indebolirsi e cadere.

Un classico del capelli corti: il caschetto

Il primo tipo di acconciatura che viene subito in mente quando si pensa ai capelli corti è l’intramontabile caschetto. L’eterno successo di quest’acconciatura, grazie soprattutto al contributo delle star del mondo del cinema e della musica, ha fatto sì che si diffondessero mille varianti di questo taglio.

Abbiamo così quello corto, chiamato anche bob, quello mosso (wob) e lungo (long bob). Qualsiasi versione scegliate, sarete comunque sicure di “indossare” uno stile che non è mai passato di moda, dai tempi in cui la Carrà faceva l’amore da Trieste in giù, a oggi. Si tratta quindi di un’eventuale scelta che difficilmente potrà lasciarvi scontente e, a meno che non propendiate per una versione davvero corta, risulta abbastanza facile da affrontare, in quanto, se insoddisfatte, non dovrete aspettare molto per riavere la vostra lunga chioma.

Ad Ognuna il Suo Caschetto: Scopri Quello Più Adatto a Te!

Per chi non ha paura di osare: il pixiecut

Le madrine indiscusse di questo taglio, Jean Seberg e Audrey Hepburn, lo hanno reso celebre negli anni ’50 e ’60 e a oggi è ancora uno dei preferiti dalle star. Il pixiecut, come è ormai chiamato, è un taglio cortissimo, che ha l’innegabile vantaggio di essere molto più pratico e comodo dei lunghi boccoli, ma che spaventa non poche donne, timorose di compiere un attentato nei confronti della propria femminilità qualora dovessero cedere troppo alle forbici. In realtà la femminilità è una caratteristica che poco ha a che fare con i capelli, in quanto risiede più negli atteggiamenti, nell’eleganza e nei modi di fare di una donna, perciò non è questo che dovrebbe eventualmente frenarci.

Chi invece è convinta che un taglio cortissimo, anche se bello, è poco versatile, in quanto costringe a portare sempre il medesimo look, dovrebbe ricredersi. Infatti basta poco per donare alla pettinatura uno stile molto diverso, anche quando si tratta di tagli corti. Difatti basta cotonarli un po’ per avere un effetto retrò o una passata di gel per renderli rock.

In generale si adatta bene a ogni tipo di viso, ma quelle di noi che ne hanno uno tondo, dovranno seguire qualche piccolo accorgimento, come creare delle asimmetrie in grado di allungare il volto.

Diamoci un taglio! Il Pixie Cut che piace tanto alle star

I capelli corti scalati

Scalare i capelli, ovvero creare un’acconciatura che abbia lunghezze diverse, è una tecnica molto utilizzata dai parrucchieri, in quando in grado di donare volume e risaltare al meglio il viso. Tutto ciò, anche se si potrebbe pensare il contrario, è realizzabile anche con i capelli corti. Pure i pixiecut e i caschetti possono infatti essere scalati, per creare asimmetrie ed effetti che li rendono perfetti e “su misura” per noi.

Capelli scalati: un look per tutte le lunghezze

Capelli corti e ricci, è possibile?

Se per una donna la scelta di cambiare look con un taglio corto è normalmente difficile, per le ricce lo è ancora di più. Infatti è convinzione che la natura ribelle di questi capelli li rendano inadatti a un taglio drastico, ma in realtà non è così. Caschetti e pixiecut sono comunque tranquillamente realizzabili: con questi tagli è possibile concentrare il volume sulla nuca e sul ciuffo e nel caso di tagli cortissimi è possibile anche rasare i lati, per ottenere un look davvero strong. Ovviamente i capelli ricci avranno poi bisogno di più accortezze e attenzioni rispetto a quelli lisci, ma in fondo è un’esigenza che si applica a qualsiasi lunghezza.

Capelli Ricci Corti: istruzioni per l'uso per novelle Marilyn

Shatush e capelli corti

Un’altra possibile eventuale titubanza legata alla scelta di optare per un taglio corto potrebbe essere il fatto che occorre rinunciare a colorazioni particolari, come quelle sfumate, tra cui soprattutto lo shatush. Infatti, dato che questa colorazione si basa su una sfumatura graduale che, schiarendo progressivamente i capelli dalla radice alle punte, è volta a ricreare una decolorazione il più possibile naturale, è chiaro come le grandi lunghezze consentano più spazio di manovra. In realtà, pixiecut a parte, anche per i tagli corti, come il caschetto, non solo lo shatush è possibile, ma è anche in grado di donarvi un risultato che non vi deluderà. Inoltre potrete ricorrere a questa colorazione non solo se siete bionde, ma anche castane o rosse.

Shatush capelli corti? Si può fare! Ecco come e tutte le tonalità