logo
Stai leggendo: Tinte naturali: il modo migliore per coprire i capelli bianchi senza l’ammoniaca

Tinte naturali: il modo migliore per coprire i capelli bianchi senza l'ammoniaca

La migliore alternativa alla tinta chimica sono le tinte naturali. Non solo vi aiutano a cambiare colore di capelli, sono anche un ottimo aiutante per la loro cura.

Le tinte naturali per capelli sono sempre più facili da trovare. E molte di noi fortunatamente si stanno abituando all’idea che una tinta green possa solo aiutare il nostro capello. Di seguito vediamo insieme alcune delle differenti alternative che ci sono sul mercato, che siano utili per coprire i capelli bianchi o per ravvivare il colore del nostro capello.

Le tinte naturali e bio, per essere vendute come tali, devono essere prive di ammoniaca, para-fenilendiammina, metalli, parabeni e siliconi. Per avere la certezza che si tratti di reali tinte naturali è bene controllare l’etichetta e leggere l’INCI prima di ogni acquisto.

Tinte naturali: l’henné

Tinte naturali per capelli con henné
Fonte: web

La prima alternativa alle tinte chimiche è sicuramente l’henné, una polvere colorante naturale ottenuta dalle foglie e dai rami della Lawsonia Inermis, pianta contente un pigmento arancio-rosso molto intenso, in grado di nutrire e colorare i capelli. L’henné puro caratterizzato dal colore rosso è in grado di coprire alla perfezione i capelli bianchi.

A differenza di quello puro, l’henné neutro è una polvere derivante da una differente pianta, la Senna Italica. L’henné neutro viene mischiato solitamente ad altri ingredienti, sempre di origine naturale, per creare delle diverse nuance di colore, dando vita a tinte naturali a base di henné, meno permanenti rispetto all’henné puro.

Bisogna sapere che l’henné è l’unica sostanza 100% naturale in grado di colorare completamente il capello e dare un risultato duraturo, come la tinta chimica. Le altre polveri, che tra poco analizzeremo, hanno il loro migliore successo solo come riflessanti.

Tinte naturali per capelli: la robbia

Con il nome Robbia indichiamo tutte le piante appartenenti al genere Rubia, circa una sessantina. Tra queste l’unica utilizzabile per la tintura dei capelli è la Rubia Cordifolia. Sui capelli ha proprietà ammorbidenti, lucidanti e purificanti. La tinta donata dalla Robbia va dal rosa pallido al rosso scuro, è ottima per ravvivare riflessi opachi o sbiaditi o per coprire i capelli bianchi; in questo ultimo caso il suo potere tintorio non è molto elevato, infatti, a differenza dell’henné, non è permanente e scarica dopo pochi lavaggi.

Tinte naturali: la polvere di ibisco

Tinte naturali per capelli con polvere di Ibisco
Fonte: web

La polvere di ibisco è caratterizzata da un colore rosso/viola intenso. Si tratta di un ottimo prodotto per la cura dei capelli: previene la caduta, stimola la crescita, dona volume e lucentezza ai capelli e li mantiene morbidi e forti. L’ibisco lascia riflessi che vanno dal rosa freddo al rosso prugna a seconda del colore della base. La polvere d’ibisco è sicuramente più utile per creare riflessi ai capelli che non per una tinta completa: il risultato scarica dopo qualche lavaggio. Se utilizzato puro, è perfetto sui capelli castano scuro per ottenere riflessi prugna/mogano. Per un risultato più duraturo e coprente va utilizzato con l’henné o la robbia.

La maggior parte degli estratti vegetali, con cui è possibile creare delle tinte naturali regalano al capello riflessi rosso/viola, a seconda della base di partenza. Chi decide quindi di non utilizzare tinte chimiche non ha una vasta gamma di tonalità disponibile; tuttavia l’henné neutro, mischiato ad altri prodotti naturali, riesce a raggiungere diverse nuance. I riflessi leggermente rossastri saranno comunque sempre presenti.

Per chi ha una base chiara, bionda o castana e non vuole riflessi rossi, la camomilla è un’ottima soluzione.

Tinte naturali: la polvere di camomilla

La polvere di camomilla è una tinta naturale utile per schiarire i capelli. È comunque buona cosa sapere che nessuna sostanza vegetale sarà in grado di schiarire i capelli se la base di colorazione non è già bionda. La polvere di camomilla, unita ad altri estratti vegetali come la lawsonia (contenuta nell’henné), riesce a coprire anche i capelli bianchi sulle basi bionde o castano chiaro.

Il migliore risultato ottenuto dall’utilizzo della polvere di camomilla restano comunque i riflessi donati ai capelli chiari: il risultato è una schiaritura naturale molto simile a quella regalata dal sole estivo.

Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...