Tra gli inestetistmi più fastidiosi con cui le donne si trovano ad avere a che fare con l’avanzare dell’età c’è certamente il problema della ptosi palpebrale, ossia delle palpebre cadenti. Problema che può essere fastidioso a livello estetico, ma che potrebbe anche incidere sulla vista e che per questo non va sottovalutato.

Vale la pena sottolineare che un inestetismo è tale solo quando siamo noi stesse a percepirlo: accettare o non accettare l’invecchiamento e le sue conseguenze sta a noi e non esistono modi giusti o sbagliati di invecchiare, come ci ricorda in questo articolo la nostra Rossella Boriosi.

Non invecchiare mai o farlo 'con dignità': cosa bisogna fare per 'invecchiare bene'

Palpebre cadenti: cause

Il problema delle palpebre cadenti, in realtà, non è solo legato all’età. Il cedimento della palpebra superiore o inferiore, infatti, può anche essere dovuto a un fattore di predisposizione genetica e dunque può fare la sua comparsa in giovane età.

E ancora, si può verificare in seguito a uno sviluppo improprio del muscolo responsabile del sollevamento della palpebra superiore: questa condizione a volte fa la sua comparsa sin dalla nascita. Hanno legami con la ptosi palpebrale anche il diabete e la distrofia muscolare.

Palpebre cadenti: rimedi

palpebre cadenti
Fonte: iStock

Contro le palpebre cadenti si può procedere in due modi. La strada chirurgica è certamente quella più impegnativa e risolutiva, ma va valutata in modo attento con il proprio medico. Meno d’impatto ma comunque d’aiuto, può essere una correzione di tipo estetico. Certo, affidarsi a prodotti non garantisce lo stesso risultato della chirurgia, ma evita comunque di andare sotto ai ferri.

Decisamente meno invasiva è anche la ginnastica facciale, altra soluzione abbastanza valida e più soft di un intervento. Si tratta di esercizi specifici per il muscolo perioculare.
Uno consiste nello sbattere ripetutamente le palpebre, per poi chiudere gli occhi venti secondi e infine riaprirli e mantenerli spalancati per altri venti.
O ancora, un altro esercizio consiste nel tirare con i polpastrelli delle dita gli angoli degli occhi verso l’esterno e nello stesso tempo provare ad aprire e chiudere gli occhi per almeno dieci volte di seguito.

Rimedi estetici

D’aiuto è il freddo, quindi uno dei prodotti migliori se si ha questa problematica è la mascherina gel da conservare in frigorifero, per poi applicarla sugli occhi. Ci sono poi diversi validi sieri per il contorno occhi, altrettanto utili. Infine in commercio sono in vendita i Wonderstripes, piccoli adesivi invisibili da mettere nella piega dell’occhio capaci di sollevare istantaneamente la palpebra, per poi procedere con l’applicazione del make-up.

Rimedi chirurgici

La blefaroplastica è la procedura di chirurgia estetica specificatamente dedicata alla correzione degli inestetismi delle palpebre. Scegliere questa strada significa innanzitutto valutare attentamente la sua fattibilità, in base alla qualità della cute e dei muscoli perioculari, alla struttura ossea del volto, all’eventuale presenza di altri difetti di tipo estetico. Sono tutti fattori molto personali e soggettivi, che rendono l’intervento più o meno consigliato ai diversi individui interessati. Bisogna tenere in considerazione anche l’eventuale presenza di condizioni patologiche che potrebbero interferire negativamente sulla riuscita dell’intervento, come difetti di coagulazione o problemi di cicatrizzazione.

Normalmente si procede sotto anestesia locale, l’anestesia generale si utilizza solamente in casi specifici dovuti alle condizioni di salute del paziente e alle sue esigenze. Si può intervenire sulle palpebre superiori o inferiori e l’operazione consiste nell’asportazione delle pieghe di grasso cutaneo.

Che cos'è la blefarite e come curarla al meglio

Trucco per palpebre cadenti

La correzione della palpebra cadente attraverso il make-up può dare risultati sorprendenti. Pochi ma efficaci accorgimenti possono davvero dare vita nuova allo sguardo.

I quattro consigli preziosi da tenere a mente sono:

  1. applicare ciglia finte, che aiutano ad aprire lo sguardo o in alternativa un ottimo mascara, magari con fibre, per intensificarlo in modo meno artificiale;
  2. realizzare un eye contouring giocando con luci e ombre, per valorizzare l’occhio al meglio nascondendo le imperfezioni. La tecnica permette di scolpire la zona del contorno occhi, andando a dare una sfumatura scura alla zona dell’attaccatura delle ciglia e una gradualmente più chiara man mano che ci si avvicina alle sopracciglia;
  3. prediligere colori dalle tonalità neutre (marrone, tortora) e dal finish satinato;
  4. evitare l’eyeliner, che potrebbe essere difficile da applicare e anzi, controproducente come effetto ottico. Meglio una matita sfumabile, da modulare con un pennellino magari aiutandosi anche con un ombretto scuro.
La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!