diredonna network
logo
Stai leggendo: Capelli bianchi addio! Scoperto l’ elisir per l’eterna giovinezza dei capelli

Labbra bicolor olografiche o effetto frosty-sugar: quale scegli per una serata rock?

Porta trucchi fai da te: 4 idee per organizzare i tuoi trucchi in modo intelligente

Chi conosce la differenza tra gommage, scrub e peeling? Mettetevi alla prova

Lip reduction: basta labbra a canotto, ora si fanno rimpicciolire

Neon make up: il trucco neon che illumina occhi e labbra

Fasi lunari e capelli: quando tagliarli per farli crescere più in fretta

5 esercizi per rassodare l'interno coscia flaccido

Unghie finte, extension, ciglia finte: occhio ai rischi molto poco beauty

Bralette: fine di una storia d'amore (e odio) con il push up

Black mask: la maschera contro i punti neri

Capelli bianchi addio! Scoperto l’ elisir per l’eterna giovinezza dei capelli

Finalmente potrà avverarsi il sogno di moltissime donne ma anche di molti uomini. Entro pochi anni potremo dire addio ai capelli bianchi senza necessariamente ricorrere alle tinte e alle colorazioni, che spesso possono essere dannose per la salute della nostra chioma. InfattiL’Oréal, nota azienda cosmetica francese, ha individuato il segreto della giovinezza eterna dei nostri amati capelli.

I NOSTRI CAPELLI.
La nostra criniera tende naturalmente a decolorarsi con il passare degli anni. La perdita del colore originario è causata dai melanociti: si tratta di cellule che secernono la melanina (il pigmento che caratterizza il colore della pelle e la cui produzione viene

stimolata dalla luce solare dando luogo all’abbronzatura). I melanociti si trovano all’interno del follicolo capillare e provvedono alla colorazione dei capelli.

I primi capelli bianchi compaiono intorno ai 30 anni. Essi sono indice della diminuzione dell’attività dei melanociti. Secondo i ricercatori francesi le cellule che secernono melanina non vengono tutte distrutte dall’invecchiamento e quelle superstiti entrano in una fase di quiescenza, insomma smettono di esercitare la propria funzione.

LO STUDIO.
La L’Oréal ha monitorato 13 mila volontari di un’età compresa tra i 35 e i 60 anni per otto anni, periodo nel quale molti partecipanti hanno perso i capelli o li hanno visti diventare grigi. La funzione dell’estratto del misterioso frutto sarebbe proprio quella di far tornare al lavoro i melanociti. Nel corso di questa ricerca sono anche stati identificati due geni, uno dei quali è ritenuto responsabile della canizie precoce (quando, cioè, i capelli diventano bianchi prima dei vent’anni) mentre l’altro sarebbe coinvolto in quella fisiologica, legata all’invecchiamento. Inoltre secondo gli esperti francesi esisterebbe una componente genetica della calvizie che, se individuata con precisione, potrebbe portare a terapie in grado di contrastarla.

Insomma, non ci resta che attendere l’elisir di eterna giovinezza per i nostri capelli, anche se in alcuni casi il brizzolato può rendere ancora più affascinante, come ce lo dimostrano Sean Connery e Richard Gere, senza dimenticare però donne meravigliose come Helen Mirren o Meryl Streep ne Il diavolo veste Prada.