Microlink extension: come si applicano e i vantaggi sulle altre tecniche

Tra i più recenti trend legati all’estetica e alla cura dei capelli compaiono le microlink extension, una innovazione che permette di ottenere una capigliatura femminile ed extra long in pochi e semplici step: ecco come si applicano e quali sono i relativi vantaggi rispetto alle extension per capelli convenzionali.

Ritenute una valida alternativa all’applicazione in cheratina, così come alle extension adesive e a tessitura,  le microlink extension rappresentano un vero e proprio must have per chi desidera una capigliatura lunga, voluminosa e di impatto. Innumerevoli sono infatti i vantaggi che tale trattamento è in grado di restituire: un risultato naturale, stress decisamente ridotto a carico del capello e una più semplice rimozione che permette di preservare al meglio la salute della capigliatura, senza alcun tipo di compromesso

A fare infatti la differenza, per quanto concerne le microlink extension, è la tecnica di applicazione, decisamente più delicata, che non prevede l’impiego di colla né adesivo e che al contempo non stressa il cuoio capelluto.

Microlink extension: che cosa sono?

Le extension per capelli compaiono da sempre tra i trattamenti di bellezza più desiderati da chiunque ami esibire una chioma lunga, curata e fluente. Non è inconsueto però che, prima di effettuare il trattamento, ci siano perplessità generate dal timore di pregiudicare la salute del capello naturale.

Tuttavia, oggi è finalmente possibile ricorrere ad una  tecnica decisamente più delicata che, oltre ad essere meno “invasiva”, non prevede in alcun modo l’impiego di colla o sostanze adesive, né l’obbligo di sottoporre il capello a calore eccessivo nel caso dell’applicazione mediante cheratina.

Definito microlink extension, tale trattamento vede dunque l’applicazione di extension in capelli naturali mediante piccoli anellini ipoallergenici in rame, a propria volta rivestiti in silicone che, in questo modo, una volta rimossi non dovrebbero intaccare la struttura del capello, né lasciare segni evidenti a carico della capigliatura.

A dispetto dell’assenza di elementi chimici volti a fissarle che potrebbe far apparire le microlink extension meno durature rispetto alle extension per capelli convenzionali, tendono a garantire una resa e una durata decisamente maggiore, a patto però che vengano adottate particolari accortezze, cure e attenzioni costanti.

Per preservare infatti la bellezza della chioma, evitando che le microlink extension si stacchino prematuramente, è necessario seguire alcuni step, applicando regolarmente prodotti specifici e professionali: occorre infatti limitare i lavaggi, spazzolare regolarmente la capigliatura, mantenere i capelli preferibilmente legati e raccolti durante il sonno, avendo cura di adottare sempre movimenti e azioni delicate e non troppo vigorose, che potrebbero facilmente agevolare l’allentamento dei microlink fissati alle ciocche di capelli naturali.

Infoltimento capelli: come ridare densità e volume a una chioma diradata

Come si applicano le microlink extension?

La corretta applicazione di microlink extension rappresenta un’operazione particolarmente lunga, laboriosa e meticolosa: richiede pertanto una notevole precisione e manualità, unite a un’opportuna preparazione della capigliatura, questo poiché le ciocche posticce andranno ripartite su tutto il capo in maniera uniforme, regolare e studiata.

Caldamente sconsigliato dunque il fai da te: meglio affidarsi alle mani esperte di un professionista che saprà suggerire la soluzione più indicata in funzione del risultato finale auspicato.

Per avere comunque un’idea di come viene strutturato tale trattamento, ecco di seguito tutti gli step previsti per l’applicazione di microlink extension:

  • La capigliatura viene inizialmente suddivisa in sezioni, frontali, laterali e posteriori, fissando le porzioni di capelli con becchi d’oca al fine di agevolare l’applicazione.
  • Prendendo come riferimento dalla sezione di capelli posti sulla nuca, si procede selezionando una piccola ciocca, mediante la coda di un pettine, sulla quale verrà inserito il microlink per mezzo di una sorta di uncinetto.
  • La ciocca di capelli naturali viene così fatta scorrere sino a condurre il microlink alla radice della stessa.
  • Tenendola poi ben salda tra le dita, è necessario rimuovere l’anello di supporto applicato sulla microlink extension per poi posizionare quest’ultima a circa un centimetro dal cuoio capelluto.
  • In ultimo il microlink viene poi stretto con una pinza, appiattito e fissato alla ciocca di capelli naturali.

Come togliere le microlink extension

Come avviene per l’applicazione, allo stesso modo la rimozione delle microlink extension risulta piuttosto immediata, per quanto richieda comunque competenza, precisione e mani esperte. Ci si avvale infatti di un’apposita pinza per riportare il microlink alla sua forma circolare originaria, sfilando poi la ciocca di capelli naturali in maniera delicata, questo al fine di evitarne il possibile danneggiamento.

Microlink extension: i vantaggi sulle altre tecniche

Principale vantaggio che contraddistingue le microlink extension, rendendole più sicure rispetto alle extension che prevedono l’utilizzo di cheratine o sostanze adesive, è la relativa capacità di non pregiudicare la salute e la struttura del capello.

Le extension vengono infatti applicate alla base della capigliatura, permettendo di sistemarle, ed eventualmente riposizionarle, semplicemente ricorrendo al parrucchiere per eventuali ritocchi, opzione peraltro necessaria per mantenerle a lungo nonostante la naturale ricrescita, mese dopo mese.

L’effetto finale garantito è decisamente naturale e di sicuro impatto, pur garantendo il totale benessere della capigliatura: non prevedendo infatti l’impiego di colle, adesivi o cheratina a caldo, tutti elementi che tendono a danneggiare irrimediabilmente la fibra capillare, tale trattamento di bellezza appare meno invasivo e più versatile, includendo una notevole flessibilità.

Di contro però, per quanto rappresentino una soluzione più valida e all’avanguardia rispetto alle extension biadesive, a tessitura o in cheratina, le microlink extension non sono adatte ad essere applicate su capelli corti, per i quali i piccoli anelli in rame risulterebbero visibili, compromettendo il caratteristico quanto apprezzato effetto naturale.

Andrebbero altresì evitate in presenza di capelli sottili, sfibrati o danneggiati perché come è facilmente intuibile, l’applicazione di extension capelli risulterebbe deleteria, rappresentando al contempo un’ulteriore fonte di stress per il cuoio capelluto.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!