diredonna network
logo
Stai leggendo: 10 rimedi definitivi per gli antiestetici talloni screpolati

10 rimedi definitivi per gli antiestetici talloni screpolati

Problemi di talloni screpolati? Niente paura, ecco 10 rimedi naturali (e non) per dire addio per sempre a pelle secca, tagli e piedi ruvidi!
talloni screpolati
Fonte: web

La bella stagione permette di mettere in mostra la pelle abbronzata e le gambe con abitini corti e top, o di indossare bellissimi sandali gioiello o elegantissime infradito ultraflat con pietre e lacci, da sfoggiare per aperitivi o cocktail  sulla spiaggia o a bordo piscina. Attenzione, però, perché per apparire al meglio in tutto non è sufficiente solo avere una depilazione inappuntabile o la pelle liscia, oppure esibire una pedicure impeccabile; già, perché un piede esteticamente perfetto è assolutamente indispensabile che tutto, dalla punta al tallone, sia liscio e morbido, e questo – ahimè – sembra essere talvolta lo scoglio più duro, perché quello dei talloni screpolati è un grattacapo che affligge moltissime donne.

Da cosa dipende questo antiestetico – e talvolta doloroso – problema, che provoca crepe, tagli e pelle secca sulla parte posteriore del piede? E, soprattutto, esistono rimedi definitivi per liberarsene una volta per tutte e non doversi più preoccupare di mostrare il piede alle porte dell’estate?

Le cause dei talloni screpolati

talloni screpolati cause
Fonte: web

All’origine dei talloni screpolati ci sono diverse cause, ma tutto può iniziare anche con una a non sufficiente cura dei piedi.

Tuttavia non è immune dal problema anche chi se ne prende rigorosamente cura perché bisogna prestare particolare attenzione a quali prodotti si scelgono per la pulizia. Saponi, creme e detergenti troppo aggressivi possono infatti causare secchezza cutanea, e quindi la comparsa di screpolature. A causare i talloni screpolati concorrono però anche un’alimentazione povera di liquidi, di grassi buoni, di vitamine e di sali minerali, oppure problemi di circolazione, l’obesità e il diabete.

Dal punto di vista dell’abbigliamento, invece, per non aumentare esageratamente le screpolature è consigliabile non indossare sempre zoccoli, infradito e tacchi alti, e allo stesso modo non si dovrebbe camminare scalzi su superfici calde o sulla sabbia.

È però importante sapere che i rimedi, anche naturali, per contrastare il problema esistono e sono davvero numerosi. Eccone dieci che sicuramente potranno aiutarvi a dire addio agli inestetismi dei talloni screpolati.

I rimedi (naturali e non) contro i talloni screpolati

talloni screpolati rimedi
Fonte: web

Come abbiamo detto, sono davvero tanti i trattamenti naturali e non con cui contrastare il problema dei talloni screpolati. Fra questi ci sono:

Pediluvio alla lavanda e bicarbonato: per ammorbidire la pelle dei talloni provate con un bel pediluvio caldo alla lavanda e bicarbonato, che avrà anche un piacevole effetto rilassante, immergendo i piedi per circa 15 o 20 minuti, in un catino con dell’acqua calda, in cui avrete versato due o tre cucchiai di bicarbonato e quattro gocce di olio essenziale di lavanda. Dopo il pediluvio è consigliabile fare uno scrub.

Pietra pomice: va usata soltanto dopo aver ammorbidito la pelle dei talloni con un pediluvio o con un bagno caldo. La pietra pomice è uno strumento molto utile per levigare i talloni e per rimuovere la cellule morte. Strofinatela sui piedi con movimenti circolari e con delicatezza. Dopo il trattamento con la pietra pomice i talloni saranno pronti all’applicazione della crema idratante.

Scrub per i talloni: in alternativa alla pietra pomice si può ricorrere a uno scrub per i piedi, ancora meglio se fatto in casa. Fare lo scrub ai talloni una volta alla settimana e applicare una crema idratante subito dopo previene il problema dei talloni screpolati e aiuta a risolverlo quando c’è già. Per preparare lo scrub basta mescolare dello zucchero, oppure del sale, con un olio a vostra scelta fino a ottenere un composto cremoso. Potete scegliere olio di mandorle dolci o il comune olio extravergine d’oliva.

Trattamento all’olio di sesamo: l’olio di sesamo è molto indicato per la pelle secca e per il suo effetto anti-age. Viene usato come olio per il viso e per il corpo, ma è molto adatto anche per piedi e talloni. Per ammorbidire le zone ruvide vi basterà avere a disposizione un cucchiaio di olio di sesamo e 5 gocce di olio essenziale di menta. Diluite l’olio essenziale nell’olio di sesamo, applicatelo sui piedi insistendo su talloni, indossate delle calzine di cotone e lasciate agire per tutta la notte. Al mattino la morbidezza della pelle sarà garantita. Se dovessero essere ancora presenti delle zone ruvide, usate la pietra pomice o fate uno scrub dopo questo trattamento.

Esfoliante al bicarbonato: con il bicarbonato di sodio potrete creare un composto leggermente abrasivo, più delicato di un comune scrub preparato con il sale grosso, utile per ammorbidire i talloni e rimuovere le cellule morte, mescolandone due cucchiai con due cucchiai di acqua tiepida e massaggiando a lungo sui talloni con movimenti circolari, prima di risciacquare. Dopo il trattamento si può applicare sui talloni una crema idratante o qualche goccia di olio di mandorle dolci o di sesamo.

In alternativa al bicarbonato si può usare la farina di riso oppure la farina di ceci.

Esfoliante alla farina di riso: per preparare questo semplice trattamento esfoliante per i piedi vi basterà mescolare 2 cucchiai di farina di riso e 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, di mandorle dolci o di sesamo. Preparate questo trattamento sempre al momento. Amalgamate bene gli ingredienti per ottenere un composto facile da applicare e massaggiatelo sui talloni con le dita o, ancora meglio, con l’aiuto di una spugnetta.

Esfoliante alla farina di ceci: preparate un esfoliante naturale adatto sia per i talloni che per piedi e gambe mescolando 3 cucchiai di farina di ceci, 3 cucchiai di zucchero di canna e 3 cucchiai di mandorle appositamente tritate oppure di farina di mandorle. A questo punto aggiungete 1 cucchiaio d’olio (ad esempio olio d’oliva extravergine, olio di mandorle o di sesamo) e la quantità d’acqua necessaria a ottenere un composto facile da applicare e strofinare sulla pelle. Massaggiate più volte lo scrub sui talloni, utilizzate subito eventuali avanzi per fare uno scrub per il corpo insistendo sulle zone ruvide.

Impacco al burro di karitè: applicate sui talloni l’impacco al burro di karitè prima di andare a dormire, dopo aver fatto uno scrub o dopo aver passato la pietra pomice. Vi basterà prelevare del burro di karitè dal barattolo con un cucchiaino e riscaldarlo leggermente tra i palmi delle mani oppure a bagnomaria per applicarlo sui talloni senza fatica. Non vi resta che indossare dei calzini di cotone per proteggere i piedi durante la notte. Al mattino risciacquate l’impacco con acqua tiepida e sapone delicato.

Impacco al miele: il miele è un rimedio naturale molto indicato per prendersi cura della pelle secca, in particolare nelle zone del corpo più ruvide o interessate da problemi di disidratazione, proprio come i talloni. Applicate il miele sui talloni e lasciate agire per 30 minuti prima di risciacquare con acqua tiepida oppure prima di dedicarvi a un bel pediluvio.

Rimedio all’olio e limone: in un bicchiere mescolate 2 cucchiai di succo di limone e 2 cucchiai di olio d’oliva. Aggiungete a poco a poco del bicarbonato di sodio o della farina di riso e mescolate fino a ottenere un composto cremoso. Massaggiate sui talloni come se fosse uno scrub, oppure utilizzatelo come un impacco per ammorbidire la pelle indurita. Questo rimedio è ottimo anche in caso di calli e duroni.