Lavarsi i capelli troppo spesso fa male, ormai è risaputo, ma, soprattutto, non sempre abbiamo il tempo (o la voglia!) di lavarci i capelli; lo shampoo secco può quindi ovviare alla mancanza di tempo o alla pigrizia e darci una chioma sempre pulita e in ordine, ma non tutti sappiamo esattamente come si usa.

Cerchiamo di capirci qualcosa di più, e di capire anche quali sono gli svantaggi di usare uno shampoo secco, oltre al fatto di essere il rimedio dell’ultimo minuto per chi vuole dare una “rinfrescata” alla chioma.

Ogni quanto lavare i capelli: le teorie a seconda del tuo tipo di chioma

Shampoo secco: come funziona?

Per utilizzare bene lo shampoo secco si devono prendere in considerazione alcuni piccoli accorgimenti. Prima di tutto, deve essere vaporizzato a circa 30 cm dai capelli, che devono poi essere scossi con le mani o con un getto d’aria fredda. Diversamente, se si usa un prodotto in polvere allora bisognerà cospargerlo vicino al cuoio capelluto per poi strofinarlo con le dita.

Ovviamente non bisogna esagerare con il prodotto, visto che un uso eccessivo può portare a creare una polverina bianca sul cuoio capelluto, facilmente rimovibile con una spazzola ma comunque sgradevole; lo shampoo secco deve poi esser applicato sulla radice, evitando le punte, e dopo l’applicazione la chioma deve essere massaggiata adeguatamente, con i polpastrelli, ma solo dopo averlo lasciato “riposare” per un paio di minuti circa.

I benefici dell’uso dello shampoo secco

Usare lo shampoo secco può portare diversi vantaggi, trattandosi di un prodotto comodissimo, che non richiede una grossa perdita di tempo per essere utilizzato. Fra i vari vantaggi che si possono ricavare dall’uso di questo prodotto:

  • è adatto a tutti i tipi di capelli;
  • contribuisce a dare più volume alla radice togliendo l’effetto appiccicoso di una chioma non proprio fresca di lavaggio;
  • è utilissimo, perché pratico, da portare in viaggio o da tenere in borsa;
  • profuma piacevolmente togliendo la lucentezza indesiderata e alleggerendo la chioma.
Co-washing: cos'è e perché chi ha i capelli ricci dovrebbe provarlo

Shampoo secco: quando fa male?

Anche se ha molti vantaggi, dello shampoo secco non si deve abusare, soprattutto visto che un utilizzo indiscriminato del prodotto può rendere secco il cuoio capelluto contribuendo alla formazione della forfora.

Usarlo esageratamente, inoltre, porta all’attivazione delle ghiandole sebacee, che espellono i grassi eccedenti per compensare la secchezza, con la conseguenza di favorire lo sviluppo di dermatiti seborroiche, piuttosto fastidiose da curare. Inoltre i capelli a lungo andare risultano opachi e spenti.

Tricodinia, cosa vuol dire quando i capelli fanno male

Shampoo a secco fai da te

Se non volete usare prodotti industriali potete realizzare uno shampoo secco a casa, con pochissimi ingredienti che si trovano facilmente nei supermercati. Questa è la “ricetta” per creare il vostro shampoo secco:

  • due cucchiaini di bicarbonato di sodio;
  • un cucchiaino di amido di mais (in alternativa amido di riso);
  • un cucchiaino di cacao amaro;
  • gocce di olio essenziale a scelta.

Il bicarbonato è in grado di assorbire il sebo, mentre l’amido di mais asciuga e ammorbidisce i capelli; il cacao colora lo shampoo secco (meglio amaro in quanto meno grasso), visto che altrimenti rimarrebbe sui capelli un’antiestetica patina bianca, mentre gli oli contribuiscono a profumare il prodotto.

Per prepararlo non dovete fare altro che mescolare insieme in una ciotola tutti gli ingredienti. Prediligete oli essenziali che svolgono un’azione antisettica o sgrassante, come il tea tree oil, la lavanda, o l’olio essenziale di limone, ricordando che potete anche combinarli, purché non si superino le dodici o tredici gocce.

Shampoo secco: i migliori in commercio

Se invece non avete tempo o voglia per realizzare il vostro shampoo secco casalingo, ovviamente sul mercato si trovano tantissime tipologie, da nebulizzare o in polvere; qui ve ne suggeriamo una selezione, fra gli shampoo secchi proposti da Amazon.

Alama Professional Shampoo Secco

Alama Professional Shampoo Secco

Alama è lo shampoo secco utile per dare corpo e volume ai capelli appiattiti, e per realizzare delle acconciature perfette; permette la pulizia del capello nel rispetto dell’ambiente.
6 € su Amazon
Pro
  • Per tutti i tipi di capelli
  • Risultato professionale
Contro
  • Nessun lato negativo
Garnier Shampoo Secco Fructis

Garnier Shampoo Secco Fructis

Lo shampoo senz'acqua Fructis Pure Non-Stop associa alla sua formula l'estratto di cetriolo ed agenti purificanti, per un tocco naturale ai capelli, con attivi di frutti fortificanti e senza siliconi.
13 € su Amazon
Pro
  • Senza siliconi
  • Arricchito con agenti purificanti ed estratto di cetriolo
Contro
  • Nessun lato negativo
Klorane Shampoo Secco all'Ortica

Klorane Shampoo Secco all'Ortica

Klorane shampoo secco all'ortica può essere usato per distanziare i lavaggi con lo shampoo liquido; grazie al suo potere seboregolatore, assorbe l'eccesso di sebo dei capelli, detergendoli con delicatezza.
10 € su Amazon
14 € risparmi 4 €
Pro
  • Senza parabeni, senza solfato, senza coloranti
  • Per capelli grassi
Contro
  • Molto visibile sui capelli scuri
Batiste Shampoo Secco & De-Frizz Con Cocco Lisciante

Batiste Shampoo Secco & De-Frizz Con Cocco Lisciante

Batiste è lo shampoo secco numero uno nel Regno Unito, ideale per capelli creschi, con aggiunta di cocco dall'effetto districante.
7 € su Amazon
Pro
  • Per capelli crespi
  • Con cocco
Contro
  • Lascia i capelli leggermente appiccicosi
That'So Perfect Hair Dry Shampoo

That'So Perfect Hair Dry Shampoo

Arricchito con tè verde e proteine della seta That'So Perfect shampoo secco permette di detergere istantaneamente i capelli senza alcun bisogno di acqua, rendendola una soluzione pratica, efficace e veloce, che in un solo gesto elimina l'eccesso di sebo e profuma piacevolmente la chioma, rendendola leggera e fluente.
13 € su Amazon
Pro
  • Con estratto di tè verde e proteine della seta
  • Formulazione sana e naturale che rispetta la pelle e l’organismo.
Contro
  • Nessun lato negativo

Articolo originale pubblicato il 8 Marzo 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!