L’ultima tendenza in fatto di ciglia è il lash lift, un trattamento per sollevare e dare volume alle ciglia. Si tratta di qualcosa che in realtà si fa anche con il mascara oppure anche con le ciglia finte, però ci sono delle persone, non solo donne, che decidono di optare per un cambiamento a medio termine in quel campo e quindi ricorrono al lash lift.

Inoltre c’è chi ritiene un cattivo investimento quello su mascara e ciglia finte, essendo in un certo senso prodotti monouso (per quanto riguarda il mascara, lo possiamo passare sulle nostre ciglia anche più volte al giorno dopo esserci struccate, ad esempio).

Premettiamo una cosa importante: le vostre ciglia non hanno assolutamente nulla che non vada. Però al tempo stesso ognuno si deve sentire libero di effettuare il trattamento che desidera, purché avvenga grazie alle mani di professionisti di settore (o si rischia un danno), tanto più che questo è un processo temporaneo e quindi progressivamente reversibile se lo si desidera, e inoltre fa bene alla salute delle ciglia.

Lash lift: cos’è?

Lash lift
Fonte: Pixabay

L’espressione significa letteralmente “sollevamento delle ciglia”. Si tratta di un processo simile a quello chiamato anche permanente ciglia o laminazione ciglia: è infatti, come spiega Jacademy, un intervento estetico che curva le ciglia nella maniera più naturale possibile, facendole apparire più luminose e lunghe (ma rendendole anche più sane) attraverso l’utilizzo di lozioni, che contengono vitamine e altre sostanze nutrienti, che rendono i peli più forti e rigenerati. Da qui, dunque, anche il carattere salutare del trattamento.

Soap brows: come realizzare le sopracciglia effetto sapone modello Instagram

Come si effettua il lash lift?

Si ricorre a lozioni specifiche, a base di oli essenziali e soprattutto di cheratina, che nutrono e rigenerano appunto i peli.

In questo modo, attraverso applicazioni sequenziali, si fa sì che la curvatura che le ciglia assumono sia completamente naturale, senza ricorrere allo stress comportato dalla somministrazione di calore che sia la laminazione permanente sia l’occasionale utilizzo di piegaciglia richiede.

Lash lift e permanente ciglia: differenze

Lash lift
Fonte: Pixabay

La grossa differenza è nel calore. Il lash lift si avvale appunto di sostanze nutritive, mentre nella permanente il calore gioca un grosso ruolo. Il sito TreatWell spiega il processo della permanente ciglia nei minimi dettagli, cosa che tornerà utile a chi vorrebbe provare questa novità ma ha sempre un po’ di paura per tutto ciò che riguarda la propria zona occhi (però appunto il lash lift appare più salutare e meno impegnativo).

Per prima cosa – si legge sul sito – le ciglia vengono pulite per rimuovere il make-up in eccesso e successivamente vengono avvolte attorno a rullini di metallo o mini-bigodini di spugna. Ricorda: più piccola la circonferenza, più stretta sarà la curva. Una volta bloccate nella giusta posizione, l’estetista cospargerà le ciglia con una lozione per la permanente, utilizzando un applicatore usa e getta. Le ciglia verranno quindi coperte con un rivestimento di plastica. Si procederà poi all’applicazione di calore e alla rimozione del rivestimento. Questa fase viene ripetuta, ma con una soluzione neutralizzante, che viene lasciata in posa per 10-15 minuti. Quasi finito. Gli ultimi passaggi comprendono la rimozione del tutto e l’applicazione di una crema idratante per calmare e rinfrescare gli occhi.

Lash lift: i costi e quanto dura

Gli effetti del lash lifting, secondo Jacademy, durano un paio di mesi, seguendo il ciclo della crescita delle ciglia. Il costo si aggira dai 60 agli 80 euro per ogni seduta: per ottenere l’effetto desiderato, di solito occorrono 3-4 sedute. Dal punto di vista della salute delle ciglia abbiamo appreso che il lash lift può essere considerato più vantaggioso della permanente, mentre dal punto di vista dei costi, questo trattamento è più conveniente delle extension sulle ciglia, che vanno tra l’altro rinnovate in maniera decisamente più frequente.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!