diredonna network
logo
Stai leggendo: Sfigurata dopo un intervento di peeling. Danno irreversibile.

Tutta la verità sulle immagini pubblicate in Instagram

Quando l'ascella arcobaleno diventa motivo di orgoglio

Maschere viso: perché dovresti colorarti così la faccia

Tutte pazze per Poutcase, la cover per smartphone portatrucchi

7 segnali che ti dicono che hai bisogno di un nuovo look

Depilazione con il rasoio: 7 errori che tutte facciamo

10 modi in cui stai usando la tua beauty blender nel modo sbagliato

Questi trucchi Disney sono una magia di colore

10 cose (+ 1) che solo le ragazze con i capelli crespi possono capire

I 10 peggiori consigli beauty che non dovete seguire: MAI!

Sfigurata dopo un intervento di peeling. Danno irreversibile.

Un errore medico imperdonabile che ha rovinato i connotati e la vita di una donna.Un mix di laser e acidi che è stato fatale per il volto della dottoressa ora vittima di depressione.
(foto:Web)
(foto:Web)

Doveva essere semplicemente un peeling per migliorare la pelle: una banale operazione dove però un mix di laser e acidi hanno sfigurato il volto di Clara Belluomo, docente di anestesia e rianimazione alla Seconda Università di Napoli. La donna voleva cancellare alcuni segni dell’età e si è rivolta ad un collega che le aveva suggerito un trattamento non invasivo, come quello del peeling.

Inizialmente è stato eseguito un trattamento laser ablativo CO2frazionato ma i risultati non erano soddisfacenti.
Poi si è passati ad un peeling chimico a base di acido tricloroacetico a concentrazione del 50%. Una scelta disastrosa, tanto che il chirurgo operante è stato denunciato dalla Procura della Repubblica ed espulso immediatamente dall’Ordine dei Medici per violazione della deontologia professionale.

Gli agenti esfolianti su una pelle già irritata hanno avuto conseguenze devastanti, talmente forti che ora la donna è costretta ad indossare una maschera in silicone per proteggerla da infezioni e dallo sguardo indiscreto della gente.

Sui referti si legge che le cicatrici sono la conseguenza di “ustioni chimiche di secondo e terzo grado estese alla guancia, al mento, alla fronte, alla radice del naso”.

I danni le hanno cambiato i connotati e le creano grosse difficoltà nel mangiare e nel parlare, con conseguenze inevitabili sulla sua autostima: la rabbia infatti si è tramutata in depressione, la situazione ormai è troppo complessa per rendere efficace qualsiasi ricostruzione.