diredonna network
logo
Stai leggendo: Elisabetta Canalis e le altre: l’eccessiva magrezza delle star.

Elisabetta Canalis e le altre: l'eccessiva magrezza delle star.

Elisabetta Canalis è l'ultima di una lunga lista di star a preoccupare l'opinione pubblica per la sua eccessiva magrezza. Molto attiva sul social network twitter, le foto più recenti ne evidenziano il non sano fisico.

L’ultima in ordine cronologico a far parlare della sua eccessiva magrezza è la nostrana ex velina Elisabetta Canalis. Scelta come nuova testimonial da Lormar Lingerie, pubblica su twitter delle immagini in anteprima del set dove sono state scattate le fotografie promozionali e immediatamente è allarme anoressia. Già nel post- Clooney Elisabetta ha trasformato il suo bellissimo corpo in un fascio di muscoli, ma ora con le costole in evidenza, il salto dal “sano” al “malato” pare essere stato fatto. Lei si difende immediatamente affermando di mangiare tantissimo, anche più di un uomo, ma di avere un metabolismo che non la fa aumentare di un etto.

Tutte benedette da questo miracoloso metabolismo.

La lista delle star da segnalare come cattivo esempio è piuttosto lunga purtroppo:

Nicole Richie, Tori Spelling, Victoria Beckham, Kate Bosworth soprannominata “Boneworth” (“Vale un osso”), Keira Knightly, Federica Nargi etc. etc. etc. Chiaramente tutte si difendono omettendo di seguire le diete più strane e pericolose del mondo, come quello del mangiare solo cose di colore arancione, la leggenda metropolitana dell’ingoiare cotone con succo d’arancia, di sorseggiare aceto prima dei pasti o digiunare e fumare. è vero, esistono persone con un metabolismo molto veloce, che mangiano ma non ingrassano, ma all’occhio si riconoscono subito e soprattutto sono così fin dall’adolescenza. Le star citate hanno cambiato il loro fisico man mano acquistavano popolarità e paradossalmente, ora sono meno belle e soprattutto meno sexy degli esordi. Esempi negativi e diseducativi che andrebbero eliminati nelle immagini diffuse sul web e dalle pubblicità.

 

Piuttosto che morenti, le preferiamo photoshoppate.