Russian lips, cos'è la tecnica russa dei filler labbra e, soprattutto, è sicura?

Si chiamano Russian Lips e sono le caratteristiche labbra a forma di cuore tipiche delle matrioske russe che su social come Instagram e Tik Tok sono già destinate a rappresentare un trend.

Tra i trattamenti di medicina estetica più richiesti del momento, il filler labbra, oltre a coinvolgere le più svariate fasce d’età, nel corso degli ultimi anni ha visto svilupparsi tecniche sempre più innovative, tutte finalizzate a rendere le labbra più voluminose, piene, turgide e definite, senza dover ricorrere a interventi decisamente più invasivi. 

A suscitare maggior interesse in particolare su social quali Tik Tok e Instagram, è la cosiddetta tecnica Russian Lips, detta anche “russa o verticale”.

Le classiche microiniezioni lineari volte a conferire turgore alle labbra sono state rapidamente soppiantate dalla tecnica a ventaglio per volumizzare le labbra sottili, così come dalla tecnica a micro tunnel, utile per risollevare gli angoli delle labbra che propendono naturalmente verso il basso, fino ad arrivare proprio alla tecnica Russian Lips che prevede iniezioni verticali volte ad accentuare in particolare l’arco di Cupido, conferendo alle labbra una caratteristica forma a cuore, tanto apprezzata dalle celebrities così come dalle influencer.

L’intervento di medicina estetica Russian Lips si identifica con il trend conosciuto come Rich Girl Face, nel quale sempre più adolescenti e giovanissime ambiscono ad apparire quanto più somiglianti possibile alle loro “beniamine” influencer ricorrendo a soluzioni spesso estreme, a discapito del concetto di bellezza naturale

Cos’è la tecnica russian lips?

La tecnica russa o Russian Lips consiste nell’inoculazione in molteplici punti allineati del contorno labbra, di piccole dosi di acido ialuronico, focalizzate in particolar modo proprio nel labbro superiore. In questo modo è possibile enfatizzare il contorno labbra, esaltando l’arco di Cupido mediante un particolare effetto di luci ed ombre che contribuiscono a rendere l’intera mucosa labiale visibilmente più turgida, assumendo al contempo una caratteristica forma a cuore.

A differenza di quanto avviene ricorrendo ai classici filler labbra, grazie alla tecnica Russian Lips le labbra non appaiono estremamente gonfie, bensì al contrario piuttosto piatte e prevalentemente prominenti verso l’alto, lontane dall’effetto “labbra a papera”, conosciuto come “Duck lips”.

Tale tecnica assicura un risultato finale proporzionato e armonico, permettendo alle labbra di apparire più sinuose, pur mantenendo un discreto livello di naturalezza.

Tecnica Russian lips: come si esegue

L’esecuzione della tecnica Russian Lips prevede una o più sedute della durata di circa 20/30 minuti ognuna, durante le quali vengono effettuate micro-iniezioni verticali di acido ialuronico lungo l’intero contorno labbra, allineate in più punti tuttavia concentrati in particolare sul labbro superiore.

Tale tecnica si differenzia dai classici filler labbra all’acido ialuronico proprio in virtù delle modalità di inoculazione: se infatti per quanto concerne la tecnica lineare, le micro-iniezioni vengono effettuate con l’ago rivolto verso il basso, quindi verso il centro delle labbra, al fine di conferire volume, pienezza e turgore, nel caso della Russian Lips, l’ago è sempre rivolto verso l’alto, in prossimità del vermiglio, permettendo in questo modo di definire con precisione il contorno labbra, mantenendo tuttavia il medesimo volume della mucosa.

Le labbra, in questo modo, pur apparendo visivamente più pronunciate, non incrementano il proprio turgore in maniera eccessiva, ma appaiono comunque definite e modellate in maniera molto precisa, assumendo così una posizione alta e piatta accompagnata dalla caratteristica forma a cuore propria delle matrioske.

Ogni seduta presenta in genere una durata di circa mezz’ora e le microiniezioni vengono generalmente effettuate dopo aver trattato l’area mediante un preparato anestetico locale.

Una volta terminato il trattamento, le labbra potrebbero apparire temporaneamente gonfie e lievemente arrossate: tali manifestazioni sono del tutto normali, tendono a scomparire nell’arco di qualche ora e rappresentano la conseguente risposta all’azione dell’iniezione e dell’inoculazione di acido ialuronico. Come avviene per i classici filler labbra, anche per quanto concerne la tecnica Russian Lips il risultato finale è apprezzabile nell’immediatezza.

Russian lips: quanto dura?

Come avviene per innumerevoli trattamenti di medicina estetica non invasiva, anche il filler Russian Lips offre il vantaggio di essere reversibile, restituendo un risultato comunque temporaneo.

Il trattamento ha una durata di circa 6 mesi e varia a seconda della rapidità con cui l’organismo riassorbe l’acido ialuronico inoculato e dello stile di vita assunto: tuttavia può essere ripetuto ed eventualmente corretto semplicemente sottoponendosi a ritocchi periodici che verranno di volta in volta valutati dal medico estetico professionista, questo poiché sottoponendosi con una certa frequenza a questa tipologia di filler, le labbra e il relativo contorno adattano progressivamente la propria forma a quanto definito per mezzo delle iniezioni.

Rischi e conseguenze

La tecnica Russian Lips è tra gli interventi di medicina estetica più apprezzati dalle donne che desiderano labbra più voluminose, carnose e definite: tuttavia è fondamentale che venga eseguita da medici professionisti e specializzati in tale tipologia di trattamento, al fine di evitare non solo manifestazioni avverse, ma anche il rischio di ottenere un risultato finale che non soddisfi le reali aspettative.

Occorre infatti tenere presente che il labbro superiore, pur eseguendo uno o più filler all’acido ialuronico, dovrebbe risultare proporzionato a quello inferiore o al massimo solo limitatamente più turgido: il rapporto ideale è definito dalla proporzione 1:1.6, che vede il labbro superiore solo marginalmente più piccolo rispetto all’inferiore, ed è per questo basilare che il professionista ne tenga conto, poiché la tecnica russa ne prevede di fatto l’inversione.  

Per quanto la tecnica russa presenti rare controindicazioni correlate ad eventuali allergie o intolleranze all’acido ialuronico, i principali rischi sono di norma legati in primis al risultato finale: sono in molte infatti le donne che presentano aspettative sempre particolarmente elevate, senza tuttavia tenere conto delle innate caratteristiche del proprio volto e delle relative proporzioni. Tutto questo può pertanto comportare insoddisfazione e non poca frustrazione di fronte a un trattamento che non ha saputo restituire i risultati auspicati.

Fondamentale è dunque il ruolo del medico estetico che deve concordare preventivamente un risultato finale quanto più naturale possibile senza alimentare illusioni ma suggerendo la soluzione più adeguata affinché le labbra non snaturino in alcun modo la fisionomia del volto.

Il risultato finale deve determinare un vero e proprio miglioramento senza rendere il trattamento totalmente fine a sé stesso: viene da sé che la tecnica Russian Lips, così come le innumerevoli modalità di inoculazione di acido ialuronico, può non essere la soluzione più indicata e valida per chiunque.

Ogni donna ha caratteristiche e punti di forza unici e individuali che meritano di essere valorizzati, perché no, anche avvalendosi della chirurgia. Chi invece teme fermamente gli aghi, può sempre adottare qualche piccolo escamotage che permetta di rendere le labbra più piene, grazie al make-up.

E per quanto ricorrere alla chirurgia estetica non rappresenti di per sé nulla di sbagliato, è sicuramente l’intenzione a fare la differenza: valorizzare la propria immagine mediante interventi e tecniche migliorative, che possono aiutare ad aumentare la propria autostima e a ridurre eventuali complessi determinati da un inestetismo importante, è senz’altro utile.

Tuttavia, anche quando si parla semplicemente di filler labbra, così come della tecnica Russian Lips, il rischio è che l’intervento diventi una moda, nonché il mezzo per uniformarsi ai canoni estetici spesso dettati dagli altri alimentando così un concetto di bellezza stereotipato, effimero e artificiale, destinato inoltre a essere rapidamente sorpassato dal trend successivo.

Articolo originale pubblicato il 24 Novembre 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!