diredonna network
logo
Stai leggendo: Smagliature: il nemico da combattere

Cicatrici: come eliminarle e tutto quello che c'è da sapere

Tutte pazze per le bombe da bagno Hello Kitty

Fanghi anticellulite: sono davvero efficaci?

Dermaroller: gli aghi sulla pelle funzionano?

5 trucchi per chiudere i pori della pelle o renderli meno visibili

Se hai amato le Polly Pocket amerai anche queste trousse

Questi pennelli trucco unicorno cambiano colore quando li usi

Spazzola lisciante: le migliori e come sceglierle

7 tipi di naso per 7 tipi di personalità: qual è la tua?

Le proprietà del retinolo (e le sue controindicazioni)

Smagliature: il nemico da combattere

Ecco a voi un piccolo aiuto tutto al naturale per contrastarle!
fonte web

Le donne e le smagliature. Una lotta che dura da secoli e che perseguita gran parte del genere femminile (ma anche gli uomini) soprattutto dopo aver perso qualche chilo di troppo o dopo una gravidanza.

Come è tristemente noto, le smagliature sono uno di quegli inestetismi che non possono essere eliminati del tutto (a meno che non si ricorra alla chirurgia estetica).
Tecnicamente vengono definite striae distensae e risultano essere un problema notevolmente diffuso, spesso causa di forti disagi. Dal punto di vista della loro struttura non sono altro che cicatrici lineari del derma, ricoperte da epidermide ipotrofica.

Proprio per la difficoltà che si può riscontrare per attenuarle, è meglio combatterle all’origine. Quando sono in formazione, le smagliature appaiono diverse da quelle “mature”; infatti  hanno un colorito rossastro ed un aspetto lievemente rugoso.
Solo successivamente, dopo alcuni mesi, acquisteranno le caratteristiche classiche che le contraddistinguono ossia un colore biancastro e una lieve depressione sul piano cutaneo. In genere hanno lunghezza di diversi centimetri e larghezza compresa tra 1 e i 10 mm.
Come molte di noi sanno, l’olio di mandorle (se adoperato quotidianamente) può non solo prevenire le smagliature ma anche eliminare quelle in formazione!
Quando però il danno è stato fatto, per attenuare queste indesiderate compagne di viaggio, possiamo improvvisarci “piccole chimiche” ed utilizzando soltanto prodotti naturali (reperibili in qualsiasi erboristeria) attutire le piccole cicatrici cutanee.
Per realizzare il composto occorreranno:

  • 10 ml di olio di mandorle dolci;
  • 5 ml di olio extravergine di oliva;
  • 10 ml di olio di jojoba;
  • 5 ml di olio di rosa mosqueta;
  • 4 gocce di  olio essenziale di geranio;
  • 3 gocce di olio essenziale di arancio dolce;
  • 3 gocce di olio essenziale di sandalo.

Una volta preparata la miscela sarà necessario massaggiare la zona interessata facendo ben assorbire alla pelle il contenuto del composto. E’ preferibile che il trattamento venga effettuato dopo una doccia calda e rilassante in modo tale da rendere più semplice l’applicazione.

Dall’interno la cosa che più può aiutare a prevenirne la formazione è l’assunzione di liquidi e mangiare almeno tre volte al giorno una porzione di frutta e o di verdura.
Basta solo un po’ di buona volontà e qualche piccola soddisfazione potrà essere raggiunta!