logo
Stai leggendo: La caduta dei capelli in autunno

La caduta dei capelli in autunno

Con l'autunno alle porte anche il timore della caduta dei capelli torna a farsi sentire; è una preoccupazione che prima o poi tocca ogni donna e ha le sue basi fondate. Con il variare della temperatura e la sensibile riduzione delle ore totali di luce si innesca un meccanismo di ricambio naturale legato ai follicoli piliferi (ciascun bulbo alterna periodi di attività e riposo per garantire una presenza costante di tutti i capelli in testa).

Caduta e ricrescita avvengono in modo continuo, basti considerare che si perdono in media tra i 40 e i 120 capelli al giorno, ma durante le stagioni cosiddette “di transizione” se ne perdono molti di più a causa di un riflesso ancestrale tipico dei mammiferi: la muta.

Fenomeno del tutto normale quindi, ammesso che non si protragga per un periodo più lungo del dovuto rendendo quindi necessario l’intervento di un esperto. Quindi, per limitare la caduta dei capelli e renderli il possibile meno fragili e opachi cosa si può fare? Tanto per iniziare si possono provare ad usare prodotti come shampoo, balsami e creme ad hoc, il meno possibile aggressivi; esistono anche dei trattamenti anticaduta in fiale e delle maschere da applicare sul cuoio capelluto ogni settimana.
Poi vi sono alcuni integratori alimentari, ricchi di amminoacidi, vitamine e minerali che aiutano a rendere i capelli corposi e robusti senza particolare fatica.
L’alimentazione infatti è un fattore molto influente nella caduta dei capelli, e non deve mai essere carente di vitamina B: quindi, se agli integratori preferite un’alimentazione corretta, i cibi ideali sono frutta secca (senza abusarne) e legumi.

Avete quindi capito come la caduta dei capelli possa essere facilmente resa un evento poco traumatico da cui uscire indenni e vincitrici!