"Mi sono odiata a lungo": Khoudia Diop, la modella "troppo nera per essere bella"

"Mi sono odiata a lungo": Khoudia Diop, la modella "troppo nera per essere bella"
Fonte: Instagram @ melaniin.goddess
Foto 1 di 15
Ingrandisci

Il nome di Khoudia Diop è molto noto tra coloro che si occupano di moda. Viene chiamata in Rete con il suo nick, Dea Melanina. L’ha scelto da sola, per via del colore della sua pelle, davvero molto scura. Noi la vediamo bellissima proprio perché le sue caratteristiche fisiche e la sua pelle sono molto rare in Europa. Per lei non è sempre stato così, anche se, ovviamente, ora lo sa di essere bellissima, ne è consapevole. Ma è anche consapevole di come la società sia distruttiva sui modelli estetici, in particolari nei confronti di tutto ciò che è diverso.

Tanto da aver raccontato, nel 2019, di aver subito bullismo a causa del colore della sua pelle anche nel suo Paese natale, il Senegal.

Anche se la mia carnagione è abbastanza comune in Senegal e in molte parti dell’Africa, sono stata presa in giro per la mia pelle scura – ha raccontato alla CNN – Essere presa in giro e perdere il mio valore alla fine ha finito per ispirarmi a essere una versione migliore di me stessa.

Khoudia ha anche spiegato come è riuscita a superare la discriminazione di cui era vittima.

All’inizio ho provato ad affrontarli, ma presto ho imparato a escludere la negatività, il che mi ha reso più fiduciosa e mi ha insegnato ad amare me stessa. Avere il sostegno della famiglia, degli amici – e ora dei fan – aiuta sicuramente ad affermare che valgo, sono amata e bella. Spero che tutti possano vederlo in se stessi e sentirsi in questo modo.

L'"Atlante della bellezza": 38 foto che mostrano come cambiano i canoni nel mondo
39

In un intervento su Glamour Khoudia Diop, classe 1996, ha raccontato anche il momento preciso in cui ha capito di essere bella. Stava facendo un viaggio, prima di trasferirsi a Parigi con la zia, e si è specchiata in una vetrina di Milano. E lì c’è stata l’illuminazione: essere diversi è bello. Avere una pelle come la sua è bello. Tuttavia, il 25% delle ragazze in Senegal sbianca la propria pelle.

Io non ci ho mai provato, ma non mentirò, volevo essere più chiara. Ci sono state volte in cui non avrei lasciato la mia stanza per settimane e qualche volta ho perso scuola perché odiavo il modo in cui le persone mi avrebbero guardata. Mi sono davvero vergognata.

Oggi, invece, ha appreso una lezione davvero importante:

La diversità è ciò che rende la vita interessante.
Tutte le donne dovrebbero sentirsi sicure della pelle in cui si trovano: ognuna è bella a modo suo e la chiave è realizzarlo e celebrarlo.

Sfogliate la gallery per scoprire altro su di lei.

Articolo originale pubblicato il 20 Dicembre 2018