logo
Stai leggendo: 5 cose da fare per avere piedi a prova di sandalo

5 cose da fare per avere piedi a prova di sandalo

La regola numero 1 è "Non trattare i piedi come fossero mani: sono piedi". La pelle dei piedi è fino a 20 volte più spessa della pelle del resto del corpo, per questo è importante utilizzare prodotti specifici per i piedi.

Per molte estati non ho messo i sandali o, quando proprio il caldo non permetteva in alcun modo di persistere nel mio stoicismo, ho scelto modelli che coprissero rigorosamente i talloni e non lasciassero troppo in vista le dita.

I miei piedi non avevano nulla che non andasse, sia chiaro. Erano e sono normali piedi. Anzi, oggi che ho imparato a prendermene cura, con piccoli gesti quotidiani alla portata di tutti, li considero addirittura belli e una parte del corpo da valorizzare.
Ma fino all’anno scorso non avevo questa consapevolezza.

Devo questo mio cambiamento, che a qualcuno sembrerà poca cosa, ma che per me ha a che fare con la fiducia in se stessi e il fatto di piacersi (mica roba da poco!), a un’amica che la primavera scorsa mi ha fatto scoprire i prodotti Scholl e, soprattutto, mi ha fatto desiderare piedi nuovi comprando un paio di sandali bellissimi, che io guardavo con quel misto di desiderio e di frustrazione che ti viene da un “io non potrei mai indossarli” interiore.

Quando lei si offrì di prestarmeli le confessai che i miei piedi non erano belli come i suoi e mi sentivo più a mio agio con delle scarpe più chiuse. Fu a quel punto che lei mi fece notare che i miei piedi non avevano nulla che non andava, se non il fatto che li stavo trascurando e si offrì di farmi la prima pedicure della mia vita.

Del resto, la mia amica è figlia di un’estetista e, quindi, sapeva quel che faceva e, soprattutto, sapeva le 5 cose da fare per avere piedi perfetti a prova di sandalo che mi ha insegnato:

1. Non trattare i piedi come fossero mani: sono piedi

Le basi, era evidente che mi mancavano le basi.
Così la mia amica mi rivelò, ripetendo la lezione appresa dalla madre, una cosa che mi fece guardare subito ai piedi in modo diverso: la
pelle dei piedi è fino a 20 volte più spessa della pelle del resto del corpo e, va da sé, necessita di trattamenti specifici.
Io finora avevo trattato i piedi come una parte del corpo uguale alle altre, anzi, a onor del vero li ho sempre trascurati. La crema che mi metto su tutto il corpo dopo la doccia, spesso aggira i piedi o, comunque, le piante che poggiano a terra. 

Sì, ma come si trattano i piedi?

2. Se è duro, esfolia e metti una crema specifica al tuo problema

Io ero ossessionata dai miei talloni: duri, secchi, dove a volte si aprivano vere e proprie screpolature, antiestetiche e ruvide al tatto. E, in effetti, quelle robe lì non dovrebbero stare sui nostri piedi.

“La regola due è ‘se è duro, esfolia’”, parola della mia amica che quel giorno ha regalato la prima muta ai miei piedi. Sì, proprio come quella di un serpente che cambia pelle e si rinnova.

Armata del roll per pedicure professionale Velvet di Scholl, iniziò a rimuovere la pelle, selezionando la velocità più delicata in alcune zone alla base delle dita, più intensa sui talloni. Quando la mia amica finì a terra c’erano i resti della mia vecchia pelle, dura, insensibile, ridotta in polvere bianca.
Per se stessa, invece, optò per la sua lima con cristalli di diamante Scholl, con un lato ruvido per esfoliare e uno liscio per un lavoro di rifinitura precisa. Incredibile come entrambe queste operazioni abbiano lasciato i nostri piedi morbidi e rosati, prima del tocco finale: l’applicazione di una crema anti-callosità.

Ovvio che la pigrizia di anni non si risolse in quell’unica seduta, ma erano già un altro paio di piedi, su cui nei giorni successivi ho applicato la crema di Scholl per talloni screpolati Active Repair k+ per rimetterli in forma definitivamente.

3. Tirali fuori e falli respirare

La mia passione per le scarpe chiuse, anche d’estate, non ha certo aiutato il benessere dei miei piedi, favorendone al contrario una sudorazione eccessiva e creando un ambiente poco salubre, ottimale semmai alla proliferazione di batteri.

Che “i piedi abbiano bisogno di respirare” non serviva la mia amica a dirmelo. Però è stata lei a consigliarmi di utilizzare il deodorante FRESH STEP di Scholl per piedi e quello per scarpe, in alternativa è disponibile anche il Deodorante nella versione Polvere Deo che si può utilizzare sia sui piedi che nelle scarpe.”

Applicare il deodorante sui piedi, esattamente come si fa al mattino con quello tradizionale, è un piccolo gesto per la maggior parte di noi insolito, ma semplice e necessario per assicurare a questa parte così strategica del nostro corpo freschezza e un ambiente asciutto e sano.

4. Coccolali. Hanno avuto una giornata pesante

Ogni giorno, per tutto il giorno, si portano addosso il nostro peso e quelli di cui ci carichiamo: se la si vede da questa prospettiva è abbastanza evidente che i nostri piedi meritino qualche coccola in più, magari da unire all’azione nutriente di una maschera specifica.

La pigrizia o la mancanza di tempo non sono un alibi, visto che tutto diventa facile come indossare un calzino. Basta provare le Nuovissime Pedimask Nutrienti di Scholl. Sono delle maschere idratanti per i piedi che si indossano come calzini e in soli 20 min avrai piedi morbidi e lisci e a prova di sandalo.

5. Valorizzali. Sono belli

Ognuno di noi ha piedi diversi. Alcuni sono più snelli, altri meno; alcuni hanno dita affusolate e ricurve, altri più tozze o distese. Ma forse la vera grande regola per un piede a prova di sandalo è imparare ad amare ogni singola parte del nostro corpo, piedi compresi, prendendocene in primo luogo cura (già così facendo le doneremo un aspetto totalmente rinvigorito) e imparando a valorizzarla.
Nel caso dei piedi, per esempio, applicare lo smalto del nostro colore preferito o uno trasparente per un effetto più nature è un’abitudine che ha a che fare con il volersi bene e aver voglia di piacersi, prima ancora che piacere.

La verità, che ho capito magari tardi, ma meglio tardi che mai, è che a separarmi dai sandali della mia amica non erano dei piedi non adatti, ma solo pochi gesti quotidiani di cura per una parte del nostro corpo tanto importante, che tendiamo a dimenticare o a dare per scontata. Non avevo piedi brutti o da nascondere, avevo solo piedi non curati. Ora non più.

Rating: 4.3/5. Su un totale di 3 voti.
Attendere prego...

L’esperto della cura del piede. Da oltre 100 anni gli esperti di Scholl ricercano soluzioni innovative per offrire al consumatore una linea completa di prodotti studiati appositamente per prendersi cura dei piedi.