logo
Stai leggendo: Aumento del seno: 9 cose che devi sapere, se lo vuoi fare

Aumento del seno: 9 cose che devi sapere, se lo vuoi fare

Una guida utile per chi ha deciso di sottoporsi alla mastoplastica additiva.

Negli ultimi anni il settore della chirurgia plastica ha catturato sempre di più l’interesse del pubblico, sia negli uomini che nelle donne, queste ultime in particolare hanno una percentuale molto alta di pazienti che si sottopongono all’aumento del seno, secondo l’American Society of Plastic Surgeon, come riporta plasticsurgery.org la mastoplastica additiva è l’intervento chirurgico estetico più richiesto, infatti nel 2017 sono stati effettuati ben 300mila interventi di aumento del seno. Qualunque sia la motivazione che spinge a sottoporsi alla chirurgia plastica al seno, è necessario essere ben informate su quello a cui si va incontro, per farlo è fondamentale rivolgersi a dei professionisti che sapranno valutare la situazione e consigliare al meglio. Noi cerchiamo di fornire in modo non professionale una panoramica delle cose più importanti da sapere sull’argomento che potrebbero essere utili a chi vuole aumentare o cambiare forma al proprio seno. Questo articolo è una libera traduzione di un pezzo pubblicato su Allure.com.

1. Consulto da un professionista

consulto
fonte: studying-in-germany.org

L’aumento del seno comporta il posizionamento di protesi all’interno del seno preesistente. Prima di prenotare l’intervento è d’obbligo una consultazione approfondita con il chirurgo plastico scelto. Durante il consulto, dice Daniel Maman , un chirurgo plastico certificato da bordo in New York City, la paziente e il medico discutono in dettaglio le opzioni disponibili, insieme a qualsiasi raccomandazione del chirurgo “relativa al tipo di protesi, al suo posizionamento in relazione al muscolo e alla posizione dell’incisione”, aggiunge.

2. Scelta delle protesi

Ci sono diverse tipologie di protesi tra cui scegliere: saline e in silicone, secondo l’ASPS. Le protesi saline sono riempite con acqua salata sterile e di solito sono di dimensioni più uniformi e di una taglia unica. Le protesi in silicone, invece, sono realizzate con gel di silicone e si percepiscono di più come “tessuto mammario naturale”.
Ci sono poi da scegliere forma e dimensione. Per quanto riguarda le protesi al silicone ci sono tre diverse forme: “rotonde, leggermente arrotondate e a goccia”, dice Maman. Le protesi rotonde  conferiscono al seno un aspetto più pieno, mentre quelle a goccia hanno un risultato più morbido

Il consulto iniziale è quindi seguito dall’imaging 3D in modo che i pazienti possano avere la possibilità di determinare le loro preferenze in termini di dimensioni e di “vedere effettivamente come si presenta il proprio corpo con le protesi”. L’appuntamento per consulto e imaging si fissa settimane prima dell’intervento per finalizzare le decisioni, ma anche in quel caso non è detto che sia scleto come procedere in via definitiva. “Sono entrato in sala operatoria con più formati disponibili di protesi e poi prendo la decisione finale su quale si adatta meglio e sembra il più naturale”, dice Maman.

3. Candidata ideale

L’aumento del seno è una procedura chirurgica abbastanza semplice, in quanto è “facile da sottoporre al paziente, e il recupero è breve e solo leggermente fastidioso”, dice Darren M. Smith , chirurgo plastico certificato di New York. Pertanto, la candidata ideale è una persona in buona salute e desidera un aumento delle dimensioni del seno. Alle donne che presentano cedimenti del tessuto del seno, noto come prosi mammaria, non è consigliato sottoporsi unicamente alla mastoplastica additiva, dice Smith. “Un lifting del seno, con o senza aumento del seno, è necessario per affrontare la situazione.” Tuttavia, coloro che stanno pianificando una gravidanza a breve dovrebbero anche evitare di fare l’intervento per l’aumento del seno poiché la gravidanza e l’allattamento “cambieranno la forma e il volume del seno”, dice Smith.

4. La preparazione

Come per  la maggior parte degli interventi chirurgici, il processo di preparazione per l’aumento del seno inizia con sei settimane di anticipo. Durante questo periodo, le pazienti sono invitate a smettere di fumare e adusare di tabacco e prodotti a base di nicotina, oltre a smettere l’assunzione della pillola. Questo perché il fumo può interferire con il processo di guarigione (oltre ad aumentare il rischio di complicanze), dice Smith. Per quanto riguarda gli ormoni? “I metodi contraccettivi basati sugli ormoni aumentano il rischio di coaguli di sangue”, aggiunge.

Poi, circa 10 giorni dopo l’intervento, alle potenziali pazienti viene fornita una lista di regole da seguire. “Chiediamo ai pazienti di smettere di bere vino rosso e di evitare l’ibuprofene, l’aspirina e i farmaci contenenti tali componenti, poiché questi composti possono fluidificare il sangue e aumentare il rischio di emorragia”, afferma Smith. I medici consigliano anche di ridurre l’assunzione di integratori (es. vitamina E, omega 3, ecc.) per lo stesso motivo.

Due giorni prima dell’intervento, alle pazienti viene chiesto di dedicarsi ad una profonda pulizia con un bagno di sapone disinfettante speciale. “Forse la parte più importante di questo intero processo è una buona comunicazione tra medico e paziente – dice Smith. Questo per garantire che il chirurgo comprenda pienamente le aspettative e i desideri della paziente, mentre la paziente comprende il proprio ruolo. I migliori risultati si ottengono quando il paziente e il chirurgo collaborano tra loro”.

5. Come si procede

procedura
fonte: www.healthline.com

L’intervento chirurgico per posizionare e fissare le protesi viene in genere eseguito come una procedura ambulatoriale e richiede circa un’ora e 15 minuti in totale. Ecco come funziona: ci sono tre punti principali per l’incisione (sottomammario, che è la piega sotto il seno, periareolare, il confine dell’areola e della pelle del seno, o transascellare, che è attraverso l’ascella.) Inoltre, ci sono due modi in cui la protesi può essere posizionata: dietro il muscolo del gran pettorale o dietro il tessuto mammario, ma davanti al muscolo. “La scelta più comune per l’aumento del seno nella mia pratica è il posizionamento sottomuscolare tramite un approccio infra-mammario”, afferma Smith. Significa che la maggior parte dei pazienti preferisce che il chirurgo inserisca la protesi sotto al seno.

Questo approccio inizia con un’incisione nella piega inframammaria e il muscolo pettorale viene quindi identificato e inciso, spiega Smith. Successivamente, viene attentamente dissezionata una tasca dietro il muscolo e posizionato un misuratore di protesi per confermare la scelta della dimensione e della forma della tasca del paziente. Una volta confermato, il misuratore viene rimosso, la protesi viene posizionata e si conclude chiudendo l’incisione. La stessa procedura viene poi eseguita sull’altro seno, afferma Smith.

6. Possibili rischi

Come con qualsiasi intervento chirurgico anche in questo caso possono presentarsi delle complicazioni. L’ ASPS elenca come rischi possibili della chirurgia a seno: complicanze di anestesia, emorragia/ematoma, infezioni, cambiamenti nella sensazione del capezzolo o del seno, scarsa cicatrizzazione, posizione errata della protesi, perdita o rottura della protesi, formazione di tessuto cicatriziale attorno alla protesi, accumulo di liquidi, rughe della pelle sulla protesi, dolore persistente e possibilità di un intervento chirurgico di revisione. In ogni caso, tutti i potenziali rischi e complicazioni dovrebbero essere discussi in toto con il chirurgo prima della firma di qualsiasi modulo di consenso.

7. Tempi di recupero

tempi di recupero
fonte: www.healthline.com

L’anestesia copre circa 72 ore, i pazienti di solito trascorrono circa un’ora nel recupero postoperatorio e vengono quindi rimandati a casa. “La maggior parte delle pazienti riferisce una sensazione di oppressione al torace, non di dolore vero e proprio”, dice Maman. La maggioranza delle pazienti che si sottopongono a mastoplastica additiva possono tornare a lavoro entro 3-5 giorni dall’intervento e viene richiesto di limitare il sollevamento di pesi e l’esercizio della parte superiore del corpo per due settimane. “Di solito, le pazienti si sentono bene già dopo una settimana, quindi dobbiamo essere categorici nel richiedere di stare a riposo in modo che il loro corpo possa guarire completamente”, dice Maman.

I medici possono anche raccomandare alle pazienti di indossare reggiseni post operatori per circa due settimane dopo l’intervento per un ulteriore supporto. È molto importante seguire alla lettera la procedura del post operatorio e di presentarsi alle visite di controllo che sono piuttosto frequenti con appuntamenti “tre giorni dopo l’operazione, una settimana, due settimane, quattro settimane, sei settimane, tre mesi, sei mesi e poi ogni anno”, dice Maman. “Personalmente ritengo sia importante controllare le mie pazienti abbastanza di frequente per assicurarmi che stiano guarendo perfettamente”, dice.

8. Il costo

La maggior parte degli interventi di chirurgia cosmetica non sono coperti dall’assicurazione, le pazienti di solito quindi si aspettano di pagare un costo che “di solito varia dai $ 6.000 ai $ 15.000”, mentre i prezzi possono variare in base alla regione geografica e all’area di formazione e competenza del medico.

9. L’esperienza

esperienza
fonte: www.netdoctor.co.uk

Chirurghi e pazienti spesso raccontano con entusiasmo le loro esperienze attraverso i social media, condividendo foto del prima e dopo. Una paziente di nome Jessica di 34 anni che ha fatto l’aumento del seno è molto contenta sia per la sua scelta delle protesi che i risultati. “Mi ero sempre vista molto scarna”, dice ad Allure . “Volevo solo avere una figura più femminile che fosse anche naturale.”

Jessica ricorda di aver provato dolore per un paio di giorni dopo l’intervento chirurgico, ma aggiunge, “alla fine della settimana ero praticamente tornata alla normalità.” Sulla base della sua esperienza, lei consiglia a chiunque stia considerando di sottoporsi all’intervento di informarsi bene e fare le proprie ricerche. Lei ad esempio aveva chiesto un consulto da tre diversi medici prima di scegliere il suo chirurgo. “Devi scegliere un medico che ti fa sentire a tuo agio e ti ascolta”, dice.