diredonna network
logo
Stai leggendo: Reverse French: come fare le unghie french ma al contrario

Hai il piede greco, romano o egizio? Ecco cosa dice del tuo carattere

10 rimedi definitivi per gli antiestetici talloni screpolati

6 cosmetici al prosecco: c'è chi il prosecco lo beve e chi lo usa così

10 modi per prolungare l'abbronzatura

4 modi per far durare la depilazione più a lungo

Il linguaggio dei piedi: i calli. Cosa dicono e come curarli

L'eyeliner roller di MAC che sembra un rullo taglia pizza è geniale

"Ero una bodybuilder ma... ora sono felice"

"Se siete in panico per il rotolino o la cellulite, il problema non è né l'uno né l'altra"

Nuovo look platino per Sarah Jessica Parker

Reverse French: come fare le unghie french ma al contrario

Scopri il nuovo trend che nasce dalle unghie french: la reverse french manicure. Un french al contrario, elegante e versatile. Vediamo come realizzarlo in casa!
reverse french
Fonte: web

Le unghie french sono una delle manicure più amate e utilizzate dalle donne. Non passa mai di moda ed è adatta anche a situazioni importanti o impegnative. La sua variante più glam è quella del reverse french: la french manicure al contrario!

Se vi siete stancate della solita french o semplicemente volete cambiare leggermente il vostro look dovete assolutamente provarla: il risultato è una manicure elegante e sofisticata. Vediamo come realizzarla passo passo!

1. Cos’è il reverse french e come realizzarlo

reverse french
Fonte: web

Il reverse french è appunto un french al contrario. La mezzaluna chiara che nel french classico viene disegnata sulla punta dell’unghia in questo caso viene disegnata vicino alle cuticole, alla base del letto ungueale. Potete realizzare questa manicure sia utilizzando colori neutri che mescolando colori fluo.

Per prima cosa limate le unghie e spingete le cuticole. Non tagliate le cuticole perché potreste causare danni alla pelle. Per quanto riguarda la forma, l’unghia non dev’essere necessariamente quadrata ma può essere anche tondeggiante o a mandorla. Potete limarle dando loro la forma che più preferite perché in questo caso la mezzaluna si trova alla base dell’unghia e non sulla punta.

Una volta finita la manicure passate all’applicazione del base coat, uno smalto trasparente che farà da base ai vostri colori. Scegliere ora il colore che starà alla base dell’unghia. La scelta è assolutamente libera e potete variare da un color carne a colori come il giallo o il verde. Stendetene due mani su tutte le unghie e lasciate poi asciugare.
Nel frattempo scegliete il secondo colore. L’applicazione del secondo colore è il passaggio più importante e difficile: dovrete stenderlo lasciando qualche millimetro tra la base delle cuticole e l’unghia. Dovrete quindi creare una mezzaluna che sarà il vostro reverse french.

Una volta steso e asciugato il secondo colore è sempre bene andare a sigillarlo con uno smalto top coat: uno smalto trasparente che aumenterà resistenza e durata della vostra manicure.

2. Unghie french colorate

reverse french
Fonte: web

Uno dei vantaggi della reverse french manicure sta nel fatto che possiamo dar libero sfogo alla fantasia e abbinare i colori che più preferiamo. Possiamo mescolare una base fluo con uno smalto nero, possiamo utilizzare una base argentata con sopra colori accesi come il rosso, oppure possiamo stendere una base luminosa con sopra uno smalto dal finish opaco.

Le combinazioni sono moltissime e possiamo anche scegliere di utilizzare colori glitterati come base per poi passarci sopra un colore opaco o lucido. È sconsigliato invece il contrario: non si crea un bell’effetto se la base è opaca e il colore sopra è glitterato. La manicure perderebbe eleganza e non sarebbe più così bella da vedere.

Un effetto davvero bello si ottiene stendendo l’oro come colore base e un colore scuro e opaco (nero, blu) sul resto dell’unghia.

3. Ricostruzione unghie gel french

reverse unghie french
Fonte: web

Chi preferisce un effetto più bombato, duraturo e luminoso può optare per una ricostruzione unghie. Se siete meno esperte potete scegliere di applicare uno smalto semipermanente, l’applicazione è molto simile a quella dello smalto e non richiede doti particolari. La ricostruzione con gel invece è più elaborata ed è necessario svolgere i corsi appositi prima di cimentarsi in essa.

La manicure semipermanente dura circa due settimane, mentre la ricostruzione gel dura un mese. Entrambe sono un’ottima soluzione per chi non ama vedere smalto e unghie sbeccate o fare la manicure troppo spesso. Sia il semipermanente che il gel infatti non necessitano di ritocchi e difficilmente le unghie si rompono.
Se non avete molta manualità e non volete comprare fornetti e accessori vari potete rivolgervi a un centro estetico e chiedere il reverse french: qualsiasi esperta accetterà di farlo con i colori che preferite.