diredonna network
logo
Stai leggendo: “Sono Grassa ma mi vedo Bella”: Modella Plus Size Contro gli Standard di Victoria’s Secret

5 esercizi per rassodare l'interno coscia flaccido

Unghie finte, extension, ciglia finte: occhio ai rischi molto poco beauty

Bralette: fine di una storia d'amore (e odio) con il push up

Black mask: la maschera contro i punti neri

Cosa dicono le unghie rigate sul tuo stato di salute

"Ecco come mi sono sentita quando mi sono depilata le gambe dopo 2 anni"

7 maschere viso fai da te più efficaci di tanti prodotti

Chi conosce la differenza tra gommage, scrub e peeling? Mettetevi alla prova

Lip reduction: basta labbra a canotto, ora si fanno rimpicciolire

Neon make up: il trucco neon che illumina occhi e labbra

"Sono Grassa ma mi vedo Bella": Modella Plus Size Contro gli Standard di Victoria’s Secret

Tess Holliday è una modella plus size (indossa una 54-46) che, come molte sue "colleghe", vuole invitare le donne a sentirsi belle per come sono. Ha lanciato una campagna sui social e, parallelamente, un'invettiva contro il solito Victoria's Secret: "Perpetua messaggi sbagliati". Ecco la storia.
Fonte: Web

Tess Holliday è una modella taglia 22, il che significa, secondo gli standard europei, che indossa una 54-56. Nonostante la maggior parte della società possa pensare che il suo aspetto non sia accettabile, Tess si sente bella e non sente alcuna esigenza di cambiare il suo corpo, men che meno di sottoporsi a qualsivoglia tipo di dieta.

Io non faccio diete – dice – Le diete non funzionano, ha detto Tess a Inquisitr.

Tess Holliday in effetti ha riscosso un buon successo nel mondo della moda nonostante sia una modella plus size. Tuttavia, il successo di Holliday porta con sé anche il dibattito sul fatto che raggiungere certe taglie possa essere poco salutare.

tess holliday modella plus size

Le persone parlano spesso dei miei successi, ma poi fanno subito seguire i loro complimenti dalla frase ‘Be’, ma non è sana’, cosa che non è vera, ha detto la modella 30enne a Yahoo Style. È come dire che qualcuno stia glorificando il suo modo d’essere perché ha la pelle più scura o perché è omosessuale. Ovviamente nessuno nasce grasso. Io so di essere grassa, ma le persone con me perdono completamente di vista il punto focale, ossia mostrare alle donne che va bene ugualmente, va bene essere se stesse e amarsi e continuare a vivere la propria senza commiserarsi o essere infelici.

Tess Holliday ha recentemente chiamato in causa il brand di lingerie Victoria’s Secret perché spingerebbe le donne che non aderiscono ai loro standard di taglia a vergognarsi del proprio corpo.

Stanno perpetuando tutto ciò che è sbagliato in America e nella società in generale, ossia l’idea che tu debba essere in un certo modo, come un Angelo di Victoria’s Secret per sentirti bella ed essere sexy. Ogni volta che entro in un punto vendita di Victoria’s Secret mi guardano come per dire ‘Sei evidentemente capitata nel negozio sbagliato’ – ha raccontato Tess a MTV – Io sono stata in tutti i loro punti vendita nel Paese e persino in uno internazionale ma nessuno del personale si è mai offerto di aiutarmi. Mai. Victoria’s Secret perde 9 miliardi di dollari l’anno per il fatto di non tenere taglie grandi. Penso che se il principale brand di lingerie nel mondo vendesse plus size faremmo un deciso passo avanti nella giusta direzione.

Fonte: Instagram @tessholliday

All’inizio di quest’anno, Tess Holliday – che conta un milione di followers su Instagram – ha dato via a un movimento sui social media contraddistinto dall’hashtag #EffYourBeautyStandards nell’intento di incoraggiare le donne a rendersi conto di poter essere belle con qualsiasi taglia senza per forza doversi conformare ai canoni della società. Quando ha dato via al suo progetto, Tess ha scritto:

Io non mi vergogno del mio corpo e non lo nascondo, è giunto il tempo di sfoggiare le mie curve! #effyourbeautystandards

Nel giro di qualche giorno, l’hashtag contava circa 500mila post su Instagram e a oggi ha superato il milione.

Sono elettrizzata, è davvero straordinario vedere quante donne stanno supportando me e ciò che faccio, ha detto Holiday a Yahoo Beauty in maggio. So che altre donne comprendono bene cosa intendo dire e la sensazione di non essere mai abbastanza. Spero che attraverso tutto questo possano rendersi costo di essere abbastanza forti e belle indipendentemente dal loro colore, dalla loro taglia o dalla loro forma.

Sono una bella donna plus size che ha smesso chiedere scusa per il suo corpo.

Holliday, che è stufa che le donne debbano essere costrette a indossare taglia piccole per poter accedere a certi brand, si sta attualmente impegnando nella realizzazione della sua linea d’abiti che non sarà la classica “copia” della tipica collezione di moda per “taglie forti”.

Voglio fare qualcosa di audace e sexy e al contempo offrire alternative alle persone che non ne possono più di indossare fantasie floreali, leopardate e simili. Abbiamo visto le fantasie più orribili sui capi plus size, fantasie che non finirebbero mai su taglie piccole.

Tess Holliday è la modella più f..a di sempre

Voglio vedere diversità nella moda – conclude Tess – Voglio vedere più persone che sembrano uomini e donne sulle strade – ha detto Tess all’Huffington Post – Io non ho alcuna regola di stile: per me, la moda è indossare ciò che ci fa sentire bene. E se questo significa indossare un costume di Halloween, che sia. Se si tratta di indossare un abito elegante, va bene… Molti negozi si fermano alla taglia 16 (per noi una 46): dovrebbe esserci più scelta.

Voi che ne pensate, amiche? Non vi sembra che Tess Holliday esageri? Noi siamo le prime a promuovere un modello di bellezza sano, vario e che non ci costringa in taglie da bambine, anzi. Ma allo stesso modo vorremmo che il modello di bellezza proposto da altri fosse egualmente sano e ci piacerebbe che non si basasse sempre sulla sfida al solito brand di lingerie (leggi: Victoria’s Secret, che sembra diventato il capro espiatorio di qualsiasi colpa del mondo della moda) che ha fatto una scelta di business e ha dato il via a una campagna d’immagine ben precise. Giuste, sbagliate, condivisibili? Tutto quello che vogliamo. Ma forse, a volte, da un lato e dall’altro, le pretese sono eccessive.