diredonna network
logo
Stai leggendo: Peeling Chimico: ecco ciò che Dovresti Sapere Prima di Provarlo

Fanghi anticellulite: sono davvero efficaci?

Dermaroller: gli aghi sulla pelle funzionano?

5 trucchi per chiudere i pori della pelle o renderli meno visibili

Se hai amato le Polly Pocket amerai anche queste trousse

Cicatrici: come eliminarle e tutto quello che c'è da sapere

Questi pennelli trucco unicorno cambiano colore quando li usi

Spazzola lisciante: le migliori e come sceglierle

7 tipi di naso per 7 tipi di personalità: qual è la tua?

Le proprietà del retinolo (e le sue controindicazioni)

Shampoo antigiallo: come usarlo e perché funziona

Peeling Chimico: ecco ciò che Dovresti Sapere Prima di Provarlo

Il nostro corpo, invecchiando, rallenta quei processi che da giovane effettua molto più velocemente. Uno di questi processi è sicuramente la rigenerazione delle cellule presenti nella nostra pelle. Ecco quindi che si rendono quasi necessari trattamenti come il peeling chimico, di cui oggi vogliamo parlarvi.
Peeling chimico
Fonte: web

Il peeling chimico è un tipo di trattamento utile per accelerare la rigenerazione delle cellule morte presenti sulla pelle. Il nostro corpo è già predisposto a questo tipo di lavoro, ma invecchiando rallenta quei processi che da giovane effettua con molta più rapidità ed è per questo quindi che entrano in gioco trattamenti come lo scrub o come quello che andremo a farvi conoscere oggi.

Prima di tutto però facciamo chiarezza sulla differenza tra peeling chimico e peeling naturale, in modo da rendere  le idee più chiare su questo processo. Il peeling naturale è quello che attiva il processo di rigenerazione delle cellule attraverso l’azione di sfregamento sulla pelle, al contrario di quello chimico, che agisce semplicemente lasciandolo in posa. La differenza non risiede quindi nel tipo di ingrediente contenuto all’interno, in quanto un peeling potrebbe contenere anche tutti ingredienti “naturali” ed essere, allo stesso tempo, considerato chimico.

1. Come funziona il peeling chimico al viso

Peeling chimico come funziona
Fonte: web

Gli inestetismi del viso più comuni che si cercano di cancellare attraverso l’utilizzo del peeling chimico sono le rughe e le cicatrici lasciate da un acne aggressivo e dai brufoli. Inoltre l’invecchiamento della pelle e lo stile di vita, con livelli di stress davvero alti, che si mantiene al giorno d’oggi, sono fattori che fanno sì che sempre più persone inizino a utilizzare questo processo per rendere il viso più luminoso e levigato.

Il peeling chimico vanta diverse classificazioni. Può essere superficiale, medio e profondo e queste differenze sono date dalla profondità con con cui agisce questo trattamento. Più profonda sarà l’azione più sarà visibile l’effetto e, allo stesso tempo, la pelle subirà una maggiore irritazione con probabili eritemi.

Ma come viene effettuato questo processo? Il medico, dopo aver isolato le parti sensibili (quali labbra e occhi) attraverso l’utilizzo di creme apposite, applicherà la soluzione del peeling sul viso o solo sull’area interessata e la lascerà agire per il tempo che ritiene sia necessario in base alla reazione che ottiene dalla pelle. Infine il medico rimuoverà la soluzione attraverso l’utilizzo di garze imbevute di liquidi. Dopo il trattamento a volte si rende necessaria l’applicazione di pomate per medicare la zona trattata. È opportuno evitare il più possibile di esporsi troppo al sole ed è quindi consigliabile l’utilizzo di protezioni solari.

2. I principali rischi del peeling chimico

Peeling chimico rischi
Fonte: web

Ovviamente, come abbiamo già accennato in precedenza, più il peeling è profondo più aumentano i rischi di avere effetti collaterali. I rischi che si possono correre sono il presentarsi di crosticine o herpes facciali (dei rischi più comuni e meno gravi) e di infezioni o cambiamenti pigmentari (che al contrario sono più rari e anche più preoccupanti). Altri rischi più comuni e generali sono bruciori, rossori e pruriti che per la maggior parte dei casi svaniscono con il passare del tempo.

Il peeling chimico, però, in alcuni casi è sconsigliato. Vi sono infatti delle situazioni in cui non dovrebbe essere effettuato, come quando si hanno delle irritazioni in corso o delle ferite aperte.

3. I costi del peeling chimico

costi peeling chimico
Fonte: web

Come per tutti i trattamenti, il costo del peeling chimico può variare in base al medico o al centro a cui ci si rivolge. Anche il tipo di inestetismo che si vuole trattare può incidere sul prezzo finale, questo perché più l’inestetismo è difficile da combattere più sedute saranno necessarie per farlo e quindi il prezzo maggiore.

Il costo medio di una seduta, se ci si rivolge a specialisti, varia dagli 80 ai 250 euro. Questi prezzi possono essere un po’ scoraggianti, ma ovviamente affidarsi a uno specialista del settore è la scelta più consigliabile, soprattutto perché in questo modo si possono avere indicazioni riguardo il tipo di peeling utile per la propria pelle.