diredonna network
logo
Stai leggendo: Linfodrenaggio: tutto ciò che c’è da sapere

Fanghi anticellulite: sono davvero efficaci?

Dermaroller: gli aghi sulla pelle funzionano?

5 trucchi per chiudere i pori della pelle o renderli meno visibili

Se hai amato le Polly Pocket amerai anche queste trousse

Cicatrici: come eliminarle e tutto quello che c'è da sapere

Questi pennelli trucco unicorno cambiano colore quando li usi

Spazzola lisciante: le migliori e come sceglierle

7 tipi di naso per 7 tipi di personalità: qual è la tua?

Le proprietà del retinolo (e le sue controindicazioni)

Shampoo antigiallo: come usarlo e perché funziona

Linfodrenaggio: tutto ciò che c'è da sapere

Scopri il linfodrenaggio: è un massaggio che può essere manuale o meccanico, è utile anche in gravidanza e combatte la cellulite! Vediamo le proprietà, le zone del corpo in cui agisce e i costi.
Linfodrenaggio: tutto ciò che c’è da sapere
Fonte: web

Il massaggio linfodrenante (o linfodrenaggio) è una tecnica inventata nel 1936 dal medico danese Emil Vodder.

Ancora oggi rimane una delle tecniche più utilizzate e diffuse nel mondo. Le manovre che si eseguono durante il massaggio sono piuttosto delicate: si va ad agire direttamente sui vasi linfatici con le mani (o con appositi macchinari). Lo scopo è quello di contrastare gonfiori e inestetismi di vario genere su varie parti del corpo.

1. Linfodrenaggio gambe e viso: a cosa serve

Linfodrenaggio viso
Fonte: web

Il linfodrenaggio è un tipo di massaggio che favorisce il drenaggio dei liquidi linfatici dai tessuti.
Sulle gambe il linfodrenaggio svolge anche un’azione contro la cellulite. Questo tipo di massaggio inoltre viene sfruttato anche per risolvere disturbi come gli edemi, per regolare il sistema neurovegetativo e per favorire la cicatrizzazione di ulcere.

Il massaggio varia in base al tipo di risultato che si vuole ottenere che può essere un’azione drenante che favorisce quindi l’eliminazione dei liquidi interstiziali e linfatici, un’azione rilassante delle fibre muscolare e un’azione che introduce leucociti e immuniglobine nel circolo ematico.

2. Linfodrenaggio Vodder e manuale

Linfodrenaggio vodder manuale
Fonte: web

La metodologia più popolare di massaggio linfodrenante è quella ideata da Emil Vodder.

Secondo questa tecnica il massaggio va iniziato partendo dalla zona prossimale, cioè dalle varie stazioni linfonodali del tronco, per poi concentrare il resto della seduta sugli arti. La pressione deve essere esercitata in modo controllato in modo da non creare arrossamenti o dolori.
Il metodo Vodder si basa su quattro movimenti.

  • Il primo movimento è il cerchio fermo: un movimento a spinta circolare fatto con le dita appiattite sulla pelle. Viene utilizzato su viso e collo.
  • Il secondo movimento è il tocco a pompa che massaggia con il palmo della mano, utilizzato per parti curve di gambe, braccia o fianchi.
  • Il terzo movimento sono i movimenti erogatori, il quarto i tocchi rotatori: utilizzati per petto, ventre e schiena. I tocchi rotatori vengono effettuati con il polso che ruota dall’esterno verso l’interno mentre il pollice segue il movimento del flusso linfatico.

3. Linfodrenaggio meccanico

Linfodrenaggio meccanico
Fonte: web

Il massaggio linfodrenante può anche non essere eseguito manualmente: esistono infatti dei dispositivi meccanici appositi.
Questi dispositivi si basano su meccanismi pneumatici che applicano in sequenza delle diverse pressioni sulla pelle.
I meccanismi pneumatici vanno a stimolare il drenaggio dei fluidi.

Il massaggio meccanico spesso viene consigliato come terapia aggiuntiva al massaggio manuale, se usato da solo infatti potrebbe anche andare a peggiorare il problema. La macchina solitamente è meno precisa e attenta: ecco perché viene spesso utilizzata in in modo complementare al massaggio manuale.

4. Linfodrenaggio in gravidanza

Linfodrenaggio in gravidanza
Fonte: web

Il linfodrenaggio è molto utile anche in gravidanza dando risultati sia medici che estetici.

Dal punto di vista estetico permette un progressivo svuotamento dei vasi linfatici sovraccarichi: migliora quindi l’aspetto della pelle, eliminando sia la ritenzione idrica che la cellulite.

Dal punto di vista medico invece permette di drenare gli scarti metabolici presenti nella linfa, andando quindi ad alleggerire gambe e braccia. Aiuta inoltre in caso di stitichezza e stimola il sistema immunitario sia della madre che del figlio.

Da evitare in gravidanza il metodo meccanico, da evitare anche il trattamento sull’addome. Assicurarsi sempre di essere in mani esperte, il trattamento va adattato e dev’essere delicato e mirato visto lo stato interessante della paziente.

5. Linfodrenaggio: i costi

Linfodrenaggio: tutto ciò che c’è da sapere
Fonte: web

I prezzi del linfodrenaggio variano in base al tipo di azione, al tipo di massaggio e all’aria di interesse. Il numero delle sedute non è fisso perché in base al bisogno del cliente le sedute potrebbero prolungarsi.

Solitamente il prezzo medio di una seduta è di 35€.
I prezzi ovviamente possono variare anche in base al centro estetico, è molto facile in ogni caso trovare promozioni online con pacchetti da più massaggi ad un prezzo conveniente.