diredonna network
logo
Stai leggendo: Il Lavoro dei Sogni: Essere Pagate 48mila euro per Mettersi lo Smalto

Criolipolisi: "congelare" il grasso per eliminarlo

Pina Bausch, il corpo martoriato della "suora" che danzava

Helen Mirren: "Non sposatevi presto" e "Amate le vostre rughe"

Shampoo fai da te: 6 ricette naturali da fare in casa

Come si realizza uno chignon intrecciato in 5 facili step

Perché una donna non deve MAI usare un rasoio da uomo

Ultherapy, pronte a farvi un lifting senza chirurgia?

Perché Johanna, la compagna di Fabio Volo, ama i suoi "tatuaggi gratis"

Microdermoabrasione, la pratica di "ferirsi" la pelle per renderla perfetta

Il Lavoro dei Sogni: Essere Pagate 48mila euro per Mettersi lo Smalto

Vi piacerebbe guadagnare 48 mila euro all'anno per mettervi lo smalto? Questa è la sensazione offerta di lavoro di Nailbox, società che produce smalti per le unghie.
Fonte: Web
Fonte: Web

Chi di noi non vorrebbe essere pagata per applicarsi lo smalto sulle unghie? Guadagnare sperimentando prodotti di bellezza tutti il giorno? Nel Regno Unito questo sogno ora può già diventare grazie all’azienda polacca Nailbox, specializzata nella produzione di smalti per unghie, che è disposta a pagare la fortunata Nail tester ben 35.000 sterline inglesi (ovvero circa 48.00 euro). Ma in cosa consiste, dunque, questo lavoro straordinario e da chi può essere svolto?

Di per sè il compito da svolgere è molto semplice. Nel corso dell’anno, la società Nailbox invia direttamente a casa della Nail tester circa 50 campioni di smalti da applicare, provare e analizzare per testarne la durata e il colore. Per ultimare il lavoro sarà, quindi, necessario scrivere una relazione completa di foto, nella quale vengano fatti emergere nel dettaglio sia i pregi che i difetti del prodotto. Una domanda sorge assolutamente spontanea: ma davvero qualsiasi donna inglese può candidarsi per fare la Nail tester? La risposta è affermativa, purchè la stessa non svolga lavori faticosi o domestici che rischino di alterare i risultati del test. Nell’annuncio, inoltre, è specificato:

Abbiamo bisogno di persone che curino il loro aspetto fisico, in modo particolare le mani, che abbiano occhio critico per prodotti e colori e che seguano le ultime tendenze e la moda. Delle trendsetters che trasmettano genuino entusiasmo per i prodotti di bellezza, in grado di distinguere gli smalti migliori e i colori più accattivanti. Inoltre è assolutamente necessario avere un’ottima idea di tutto ciò che è attualmente di moda.

I kit forniti dall’azienda sono molto completi e includono anche appositi trattamenti per le mani, 50 smalti in tutte le tonalità dei colori moda e varie lime per unghie. Le Nail tester dovrà, quindi, essere una trendsetter realmente interessata a tutto ciò che riguarda la bellezza, costantemente aggiornata sulle nuove tendenze, che ami curare l’estetica di mani e dei piedi, che sappia fare delle fotografie accattivanti e delle relazioni dettagliate. Il lavoro è descritto dettagliatamente sulla pagina ufficiale dell’azienda polacca Nailbox alla voce Official Nail tester.

Già ricevere gratuitamente un kit completo di smalti, lime e quant’altro potrebbe essere un compenso interessante, ma l’azienda polacca intende offrire alla Nail tester anche un compenso di 35.000 sterline inglesi (oltre 55 mila dollari, ovvero circa 48.000 euro). E non è finita: le ore di lavoro saranno flessibili, il pagamento mensile e i kit non dovranno essere restituiti alla Nailbox.

È davvero tutto oro quel che luccica, o ci sono anche degli aspetti negativi? Leggendo notizie come questa è naturale porsi una domanda del genere. Ebbene: (purtroppo!) attualmente verranno prese in considerazione solo candidature di residenti nel Regno Unito. Inoltre, le future Nail tester, in caso di ingaggio si impegnano a non svolgere alcun lavoro domestico o di fatica per tutta la durata del contratto, al fine di non invalidare i risultati e gli esiti del test. Qualsiasi violazione di queste clausole porrà fine immediatamente alla collaborazione. In altre parole: per una Nail tester è fuori questione lavare piatti o pavimenti, sollevare carichi pesanti o nuotare abitualmente.

All’inizio tutto questo sembra davvero stupendo. Ma secondo voi alla lunga non rischia di diventare un po’ frustrante e noioso?