diredonna network
logo
Stai leggendo: Estetista Cinica: “Cellulite, ecco 7 bufale cui tutte crediamo e 6 rimedi veri”

Maschere viso: perché dovresti colorarti così la faccia

7 segnali che ti dicono che hai bisogno di un nuovo look

10 modi in cui stai usando la tua beauty blender nel modo sbagliato

I 10 peggiori consigli beauty che non dovete seguire: MAI!

Brow Wigs, 4 motivi per cui le "parrucche" per sopracciglia potrebbero non essere male

Tutti dovrebbero leggere il messaggio di questa mamma che prova il costume con la figlia

Scusa ma, il tuo tatuaggio e il tuo trucco sono vegani?

Tutte pazze per Poutcase, la cover per smartphone portatrucchi

Depilazione con il rasoio: 7 errori che tutte facciamo

Questi trucchi Disney sono una magia di colore

Estetista Cinica: "Cellulite, ecco 7 bufale cui tutte crediamo e 6 rimedi veri"

Ora sappiamo che la cellulite potrebbe essere un segno inconfutabile che siamo intelligenti. I maschi non ce l'hanno? Chissà cosa vuol dire?

 

Cominciamo con la buona notizia

Le soluzioni alla cellulite, evviva! Ma…

No, la cattiva notizia non è quel ma, bensì il fatto che, probabilmente, ognuna di noi ha speso un sacco di soldi, tempo, aspettative (sistematicamente deluse) seguendo rimedi miracolosi super pubblicizzati e idratando le proprie mani, prima ancora che le proprie gambe, con presunte creme che avrebbero dovuto farci sparire ogni traccia di buccia di arancia (e pure qualche centimetro di troppo di circonferenza cosce).

Se anche voi fate parte di questa categoria, tranquille, siete in ottima compagnia. Ma per fortuna abbiamo conosciuto l’Estetista Cinica, nome d’arte social di Cristina Fogazzi, e ci siamo fatte raccontare da lei tutta la verità, nient’altro che la verità sulla cellulite (e le strategie anti-cellulite) o quasi. Chi la segue sul suo blog sa bene che personaggio matto e dissacrante possa essere, così come chi conosce le sue vignette ciniche sui social.

Ma chi è Cristina? Tanto per cominciare è una vera estetista che, nel suo centro di Milano BellaVera dà consulenze personalizzate, coccola, cura e bacchetta – sì, anche quello un po’ – le sue clienti. Ma a ben vedere anche in quest’ultimo caso fa loro il più grande regalo (in termini anche di risparmio delle tre cose dette sopra: tempo, denaro e aspettativa): non fa promesse impossibili alla “risultati definitivi in 10 sedute” o “avrai un culo come quello di Belen sull’ultima copertina patinata”, ma dà solo obiettivi raggiungibili.
Del resto il suo centro si chiama BellaVera e, si sa, che la vera bellezza è altro rispetto a certi modelli che hanno veramente fatto il loro tempo.

È venuta a trovarci in redazione, presentandosi sui tacchi, con il suo caschetto perfetto e un brio da far paura, se non fosse che fa anche tanto ridere. Fatto sta che qui di seguito proviamo a riassumere la nostra chiacchierata-intervista. Per consigli dettagliati sulla cellulite e le sue soluzioni, pero, si consiglia vivamente la lettura del libro, Guida Cinica alla Cellulite (che potete acquistare a questo link), scritto a quattro mani da Cristina Fogazzi con il dottor (non abbiamo detto astrologo, ma medico) Enrico Motta.

Come sei diventata Estetista Cinica?

In realtà è successo un po’ per caso. Volevo fare dei quadretti ironici e divertenti da appendere nel mio centro estetico. Ne ho parlato con una mia amica che fa la disegnatrice, Spora, facendole uno schizzo veloce sulla carta del lettino. È stata lei a dirmi che erano perfette per il web.
E poi ero stanca di passare il mio tempo a litigare sui social cercando di combattere tutte le notizie false e sensazionalistiche che vengono date sul tema cellulite, anche da persone del settore e da aziende produttrici di cosmetici. C’è tanto marketing, tanto “ti dico quello che vorresti sentirti dire” così compri il mio prodotto o servizio anche se poi non ti risolverà il problema e nessuno dice la verità.

Ma qual è la verità e quali invece le bugie sulla cellulite cui tutte noi crediamo?

Partiamo dalle convinzioni false che molte di noi hanno sulla cellulite (ci siamo presi licenza di ordinarle per punti per chiarezza, anche se nel corso dell’intervista ne abbiamo parlato in modo sparso, ndr). Sono false o falsi:

1. Tutte (sì, tutte) le soluzioni tipo “Come sconfiggere la cellulite in 5 giorni con 5 semplici mosse”

O “come sconfiggere la cellulite in un mese e non pensarci più”.

Chiariamo un concetto, la cellulite è disturbo della micro-circolazione. Non è una sfiga, non è una fissa e non è neppure una cosa che viene perché mangi male. Se ce l’hai ce l’hai. Come quando hai un disturbo alla tiroide o hai i capelli bianchi. Non sono cose che passano, puoi al massimo tenerle sotto controllo in modo efficace ma costante.

2. Le immagini dei culi e delle cosce che vediamo sui giornali

Anche quando non c’è il supporto di Photoshop, ci sono filtri, condizioni di luce particolari. Nessuno ha la pelle così levigata, lucida e incarnati così perfetti. Ve lo dice una che, per lavoro, vede le proprie clienti in mutande spesso più del loro marito o fidanzato. 

Siamo così assuefatti all’idea pubblicitaria che ci siamo persino dimenticati dell’anatomia:

Se Belen si piega, anche a lei viene il rotolino sulla pancia e poi, a livello anatomico, esistono le culotte de Cheval che, per intenderci, sono quei buchi che si formano se contrai le chiappe. Chiunque vi dica che può eliminarle mente: sono i tendini che tengono “chiuse” le chiappe. Se non ci fossero si “aprirebbero” mentre camminate: non bellissimo da vedere!

3. Chiunque vi prometta di potervi rendere “perfetti”

La pubblicità è una cosa, la verità è un’altra e ai professionisti, estetista e medico chirurgo, bisogna chiedere onestà e competenza. A me è capitato di mandare via gente perché non potevo fare niente per loro rispetto alle loro aspettative irrealizzabili. Sicuramente qualcun altro li ha assecondati, ma ognuno fa i conti con la propria coscienza.

Chiaro, è molto più facile farti vedere un culo photoshoppato e fare leva sul tuo senso di inadeguatezza.

Poi c’è da dire che molti estetisti sono in buona fede: acquistano una soluzione fidandosi di chi gliela vende.

4. L’affermazione “correre fa passare la cellulite”

Falso, ma questo ce lo siamo fatti spiegare bene perché già al centro di un sacco di polemiche, ndr.

5. La convinzione che la cellulite dipende dall’alimentazione

Che la #FORZA drenante sia con voi! #estetistacinica #starwars #cinicostyle

Una foto pubblicata da Estetista Cinica (@estetistacinica) in data:

Falso anche questo. O meglio, in parte è vero, la cellulite può essere peggiorata da una dieta a elevato contenuto di sale o carboidrati, ma

puoi essere crudista e vegana… se hai la cellulite, hai la cellulite.

6. L’idea che bisogna bere due litri di acqua al giorno

Al massimo andrai in bagno più spesso.
Scherzi a parte, chiaro che la ritenzione idrica è nemica della cellulite. Ma non serve bere acqua come non ci fosse un domani: meglio mangiare meno salato ed evitare piatti tipo bresaola e grana, con cui sforiamo il contenuto di sodio di una settimana convinte di state “light”.

La soluzione anche qui non è entrare nella paranoia della dieta a tutti i costi, ma darsi a un’alimentazione equilibrata che non vuol dire per forza rinunce. Diamoci obiettivi realistici: tipo due giorni a settimana senza sale e per il resto possiamo mangiare normale.

7. Se perdi peso, passa la cellulite

Sono sempre attenta ai temi dell'attualità. #cinicostyle

Una foto pubblicata da Estetista Cinica (@estetistacinica) in data:

Puoi essere magra e avere la cellulite, alla faccia di chi dice che è una tua fissa e che è impossibile; così come puoi pesare mille mila kg e non averla, proprio per la natura stessa del disturbo. La causa della cellulite è per lo più genetica e questo vuol dire che:

  • Sì, anche le persone magre possono avere la cellulite

Girl power! #estetistacinica #cinicomood #cinicostyle

Una foto pubblicata da Estetista Cinica (@estetistacinica) in data:

  • Persone sovrappeso, che mangiano male e non fanno attività fisica possono non avere un filo di cellulite

Giornate così. Che mangeresti una crostata ma la tua schizofrenia ti tiene a bada. #estetistacinica #cinicomood #cinicostyle

Una foto pubblicata da Estetista Cinica (@estetistacinica) in data:

  • Non si “guarisce”: se hai la cellulite, hai la cellulite

Quindi siamo senza speranza?

No, questo non vuol dire che non puoi farci niente, ma che non ci sono rimedi miracolosi – neppure pagati con tutto l’oro del mondo -, né rimedi magici definitivi e immediati. La cellulite è un disturbo della microcircolazione e come tale va affrontata, non come la questione dello smalto sulle unghie.

Ci sono però soluzioni, alcune delle quali molto efficaci, per tenerla sotto costante controllo, che richiedono continuità e attenzione. Esattamente come per qualsiasi altro disturbo.

Questi sono alcuni di questi rimedi:

Rimedio n. 1: le calze a compressione graduata

L'unica crema in cui credo è quella dei bignè. #estetistacinica #cinicomood #cinicostyle

Una foto pubblicata da Estetista Cinica (@estetistacinica) in data:

Andiamo dall’estetista disposte a spendere 3000 euro e poi se ci dicono di mettere le calze a compressione graduata non vogliamo!

Mi rendo conto di avere molto più appeal e forse anche molto più seguito se mi presento con una crema da mettere sulle cosce promettendo che farà sparire la cellulite a tutte quelle che la mettono mentre dormono per un mese. Ma direi una bugia per vendere e, alla fine, chi mi ha creduto avrebbe speso soldi e tempo per un risultato al massimo parziale e non duraturo.

Le soluzioni da “Come sconfiggere la cellulite in 5 giorni con 5 semplici mosse” non esistono. Le calze a compressione graduata funzionano, nel senso che aiutano a migliorare davvero la circolazione, ma questo non lo dice nessuno, perché danno fastidio e la gente non vuole metterle.

Rimedio n.2: mettere i plantari

La postura conta tanto perché può causare problemi alla circolazione. La cellulite può essere aggravata da uno scorretto appoggio del piede perché, in questo caso, non si pompa abbastanza sangue verso l’alto. Per scoprire il vizio di postura potete provare a vedere come sono consumati i tacchi delle vostre scarpe. In ogni caso l’ideale è rivolgersi a un bravo ortopedico e valutare l’opportunità di usare dei plantari.

Possono essere un vero toccasana per la cellulite.

Rimedio n.3: camminare a passo sostenuto

E qui si spiega anche il perché andare a correre alle 6 del mattino per sconfiggere la cellulite non è una buona idea. È traumatico e può peggiorare i problemi di pompaggio e, quindi, di microcircolazione di cui parlavamo prima. 

Rimedio (cinico) n. 4 per idratare la pelle

Eccolo qui:

Questo lo seguiremo alla lettera. Ma, al di là della risata, è per ricordare che i due litri di acqua al giorno non servono e, anzi, possono avere qualche effetto collaterale sulle file ai bagni.

Rimedio (cinico) n. 5 per superare indenni il Natale

Io vi vedo. Ricordatelo. #estetistacinica #cinicomood #cinicostyle #iwishyouamerrychristmas

Una foto pubblicata da Estetista Cinica (@estetistacinica) in data:

In questa vignetta ci scherza su, ma neppure troppo.
È chiaro che un po’ di autocontrollo ci vuole, ma il consiglio natalizio dell’Estetista Cinica è stato chiaro:

Durante i pranzi e le cene natalizie mangiate senza scassare l’anima ai parenti con la vostra dieta, ma negli altri giorni mettetevi a regime senza sale. Almeno due giorni a settimane. Con le spezie si riescono a ottenere piatti comunque saporiti e gustosi.

In ogni caso, se gli ultimi due vi sembrano rimedi troppo cinici, in realtà, dopo aver chiacchierato a lungo con Cristina, a noi sembrano soluzioni super efficaci. Perché la vera risposta al grande male della cellulite (e di molti altri problemi simili, tipo rughe – tutti avvertiti: il prossimo libro dell’estetista cinica potrebbe essere su questo tema – o ciccia) è, per dirla con l’Estetista Cinica:

Non credere alle favole e volerci bene che, tradotto in termini pratici, significa prendersi cura di noi, valorizzare la nostra vera bellezza e ridere di qualsiasi modello irrealistico.

Vale come rimedio, stavolta non cinico ma più che mai serio e reale, n. 6.
Altrimenti tanto vale la pena sentirsi frustrate perché non sappiamo volare: l’unica cosa che ci manca per essere come Wonder Woman.