diredonna network
logo
Stai leggendo: Dior, la Grande Maison denunciata per Avere Prodotti Nocivi

Tutte pazze per Poutcase, la cover per smartphone portatrucchi

Questi trucchi Disney sono una magia di colore

Scusa ma, il tuo tatuaggio e il tuo trucco sono vegani?

Maschere viso: perché dovresti colorarti così la faccia

7 segnali che ti dicono che hai bisogno di un nuovo look

Depilazione con il rasoio: 7 errori che tutte facciamo

10 modi in cui stai usando la tua beauty blender nel modo sbagliato

10 cose (+ 1) che solo le ragazze con i capelli crespi possono capire

I 10 peggiori consigli beauty che non dovete seguire: MAI!

Brow Wigs, 4 motivi per cui le "parrucche" per sopracciglia potrebbero non essere male

Dior, la Grande Maison denunciata per Avere Prodotti Nocivi

Un rossetto di Dior si è trasformato in un incubo. L'azienda si scusa con la cliente ma non ammette tutte le colpe.
(foto: iStockphoto)
(foto: iStockphoto)

Trasformata in un mostro, come lei stessa si definisce, da un prodotto di bellezza.

È la storia di Lynda Roberts, 62 anni, che ha avuto una gravissima forma allergica dopo aver utilizzato un rossetto di Dior.

La donna conosce alla perfezione le sue allergie, lavorando in uno studio medico, e ha ammesso di utilizzare il prodotto e la marca Dior da anni, senza aver mai avuto alcun tipo di problema.
Pare però che l’azienda avesse cambiato formula introducendo una nuova sostanza che ha causato una terribile reazione.

Il rossetto sott’accusa è Dolly Pink.
La donna dopo averlo utilizzato ha iniziato a sentire un particolare formicolio, poi dolore e infine sono comparse le piaghe su tutta la bocca.

“Non ho nemmeno festeggiato il mio 40esimo anniversario di matrimonio. Mi sentivo un mostro e non volevo uscire di casa!”

 

(foto: Web)
(foto: Web)

Dior ha mandato una lettera di scuse alla donna e un piccolo omaggio per farsi perdonare della mancanza di informazione che ha causato un danno tanto grave, ma si difende:

“Queste reazioni sono rare e non significa che i nostri prodotti siano pericolosi. È stato un caso”