diredonna network
logo
Stai leggendo: Crioterapia, Congelarsi per Dimagrire: l’Ultima Folle Moda delle Star

Acido glicolico: cos'è e come si usa

Criolipolisi: "congelare" il grasso per eliminarlo

Il linguaggio dei piedi: i calli. Cosa dicono e come curarli

L'eyeliner roller di MAC che sembra un rullo taglia pizza è geniale

"Ero una bodybuilder ma... ora sono felice"

"Se siete in panico per il rotolino o la cellulite, il problema non è né l'uno né l'altra"

Nuovo look platino per Sarah Jessica Parker

Trucchi: roba da uomini! Arriva il make up per uomo

Pina Bausch, il corpo martoriato della "suora" che danzava

Crioterapia, Congelarsi per Dimagrire: l'Ultima Folle Moda delle Star

Bastano solo pochi minuti in un cilindro metallico a 160 gradi sotto zero per combattere la cellulite e rinnovare in profondità le cellule. Da tempo utilizzata in campo sportivo sotto controllo medico, ora è una mania che impazza tra i VIP.
Foto: Web
Foto: Web

L’ultima mania delle star americane per dimagrire velocemente si chiama crioterapia. E sapete fino a dove osano spingersi le celebrità? Fino a farsi congelare. Letteralmente. Sono disposte a resistere alcuni minuti chiuse dentro un’apposita stanza ad una temperatura di 160 gradi sotto zero. Tutto questo in costume da bagno, così da bruciare velocemente centinaia di calorie per favorire il dimagrimento.

Sembra una sorta di tortura cinese, ma la crioterapia sta spopolando tra i vip statunitensi. Molte celebrità (come Jessica Alba e Jennifer Aniston) hanno postato commenti entusiastici sul web. E nei social impazza addirittura una foto della ribelle Lindsay Lohan che esce infreddolita e sorridente dalla stanza adibita alla crioterapia.

Ma come funziona esattamente la crioterapia? In sostanza, durante la seduta una persona deve entrare in una sorta di grande freezer metallico, in stanze o cilindri metallici refrigerati con azoto liquido o in una vasca ricolma di acqua e cubetti di ghiaccio. Il tutto essendo (ovviamente) svestita. Deve indossare, infatti, solo un costume da bagno (meglio bikini) e apposite protezioni per le orecchie, le mani, i piedi e per le vie respiratorie. Questa pratica dura solo 3-4 minuti, durante i quali la persona si deve “congelare” a temperature molto basse, che oscillano mediamente dai 110 ai 160 gradi sotto lo zero. Perché? È presto detto: tutto questo dovrebbe indurre il cervello a stimolare l’organismo a portare più sangue al cuore, accelerando di conseguenza il metabolismo.

Foto: Web
Foto: Web

Questa pratica vi convince poco e vi lascia un po’ interdette? Non siete le sole. Ma gli esperti sostengono che in pochi minuti si possono bruciare mediamente 800 calorie, con effetti estremamente positivi anche sulla riduzione della cellulite, sui fenomeni infiammatori, sulle contratture muscolari e sul rinnovamento cellulare. La stessa Lindsay Lohan, ad esempio, ha pubblicamente dichiarato di ricorrere a questa pratica per combattere lo stress. Cristiano Ronaldo, invece, ha reso noto di aver utilizzato più volte questo trattamento per rinforzare il proprio fisico in seguito ad un infortunio (sotto controllo medico).

Di certo una pratica estrema come questa non può essere esente da possibili controindicazioni. Tuttavia gli esperti sono molto divisi a riguardo: alcuni la criticano aspramente, altri la lodano per le innumerevoli qualità benefiche. In ogni caso, tutti sono concordi nel sostenere che la crioterapia è assolutamente sconsigliata a soggetti con ipertensione e patologie vascolari e che deve essere praticata sotto rigido controllo medico (e non in un centro estetico). Le prime cliniche specializzate in questa pratica sono nate in Giappone negli anni ’80. Successivamente si sono diffuse nel nord Europa, in Polonia, in Germania, in Finlandia, in Russia fino ad arrivare in Francia, Gran Bretagna e Austria di recente.

Foto: Web
Foto: Web

Il termine crioterapia deriva dal greco antico e significa letteralmente cura con il freddo. Le sue origini sono antichissime poiché le proprietà benefiche e medicali del freddo erano note anche nei tempi lontani. Inoltre, questo trattamento era già presente nella medicina fisica per il recupero sportivo, il miglioramento delle prestazioni, la prevenzione di una possibile ricaduta e il trattamento di patologie muscolari e infiammatorie. Ora, però, l’estetica regna sovrana tra i vip e questa pratica gode di un’improvvisa, nuova popolarità. E sull’aspetto terapeutico prevale nettamente quello estetico, puntando perlopiù l’attenzione sulla crioterapia come moda del momento.

Noi siamo scettiche. Voi cosa ne pensate?