diredonna network
logo
Stai leggendo: Cosa Fare (e Non Fare) per Avere un’Abbronzatura Perfetta

10 modi per prolungare l'abbronzatura

Fanghi anticellulite: sono davvero efficaci?

Dermaroller: gli aghi sulla pelle funzionano?

5 trucchi per chiudere i pori della pelle o renderli meno visibili

7 tipi di naso per 7 tipi di personalità: qual è la tua?

Le proprietà del retinolo (e le sue controindicazioni)

15 trucchi per gestire i ricci e i loro capricci

Perché dovresti provare a farti un bagno nell'acqua nera (e come farlo)

13 cose che non pensavi ti potessero far venire i brufoli

5 consigli beauty che non dovreste MAI provare

Cosa Fare (e Non Fare) per Avere un'Abbronzatura Perfetta

Per avere un'abbronzatura perfetta bisogna seguire poche semplici regole, che renderanno la tintarella duratura e omogenea e soprattutto vi eviteranno scottature. Ecco cosa fare e cosa non fare!
Fonte: web
Fonte: web

Estate vuol dire tempo di riposo, di vacanze, di mare, di divertimento e… tempo di abbronzarsi! L’estate porta con sé orde di donne di tutte l’età che si stendono al sole come salamandre per riuscire ad ottenere la tintarella perfetta.

Ma spesso i risultati non sono per nulla soddisfacenti e invece della pelle ambrata ci ritroviamo con un simpatico color aragosta e prossime a spelarci.

Il punto è che quando ci si espone al sole, onde evitare scottature o irritazioni, è bene rispettare alcune regole che permettono di avere un’abbronzatura invidiabile e di preservare la pelle, anche perché, al di là dei difetti estetici in cui si può incorrere, esporsi al sole senza le dovute precauzioni può essere pericoloso per la salute.

Ecco dunque una lista di cose da fare e da non fare quando ci si vuole abbronzare:

Che cosa fare

Fonte: web
Fonte: web

Innanzitutto, quando vi esponete al sole dovete sempre esservi spalmate la protezione solare, anche nei luoghi dove il rischio scottatura vi pare minore o improbabile, come le orecchie (io un anno me le sono scottate!) o i piedi. La protezione va spalmata almeno 30 minuti prima dell’esposizione al sole e va ripetuta dopo ogni bagno.

Inoltre è bene esporsi al sole gradualmente: i primi giorni evitate di restare sotto i raggi solari per ore e ricordate che l’abbronzatura dura più tempo se evitate di stressare la pelle e la abituate a poco a poco a stare al sole.

Poi, per evitare fastidiose screpolature, ricordatevi di mantenere la pelle idratata non solo bevendo molta acqua ma anche usando una crema doposole da mettere ogni giorno dopo la doccia.

Se infine sapete già con anticipo che prenderete il sole, potete fare uno scrub qualche giorno prima per eliminare le cellule morte e liberare i pori, di modo da rendere l’abbronzatura più omogenea e più duratura, e, qualche settimana prima, potete assumere un integratore specifico che stimoli la tintarella.

Che cosa non fare

Fonte: web
Fonte: web

Ricordate di controllare sempre la scadenza della protezione solare; infatti una crema scaduta perde la sua capacità di proteggere la pelle e quindi risulta inutile (e potete dare il benvenute alle scottature).

Evitate inoltre di depilarvi nelle 24 ore precedenti all’esposizione al sole: quando la si depila la pelle è più soggetta ad irritazioni che i raggi del sole potrebbero causare.

Evitate anche di spruzzarvi addosso profumi o deodoranti a base alcolica: l’acol reagisce al sole e può causare delle dermatiti.

Come ultima cosa, se state facendo una cura antibiotica, non mettetevi sotto al sole, perché la pelle può essere più sensibile.

E per essere davvero perfette, non dimenticatevi un costume da bagno capace di attirare l’attenzione: